Giovanni Zambelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Zambelli (Venezia, 1º giugno 1824Belfiore, 7 dicembre 1852) è stato un patriota italiano ed è uno dei Martiri di Belfiore.

Giovanni Zambelli, particolare del monumento a Belfiore

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Impiegato all'Arsenale e ritrattista per diletto, partecipò attivamente alla Repubblica di Venezia del 1848.
Divenne successivamente uno dei capi del Comitato Rivoluzionario Veneto, attivando i comitati di Padova, Vicenza e Treviso. A seguito della scoperta della congiura nel gennaio del 1852 e dell'identificazione di tutti i principali responsabili nel giugno successivo, fu arrestato e tradotto a Mantova.

Il consiglio di guerra austriaco del 13 novembre 1852 lo condannò a morte e il successivo 7 dicembre, a Belfiore alle porte di Mantova, fu il primo dei patrioti condannati ad essere impiccato.
A causa della requisizione di tutte le sue proprietà da parte del governo austriaco, la vedova con il giovane figlio si trasferì a Milano ove poté beneficiare del sostegno economico di patrioti locali.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]