Bernardo Canal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bernardo Canal (Venezia, 4 agosto 1824Belfiore, 7 dicembre 1852) è stato un patriota italiano, uno dei "Martiri di Belfiore".

Bernardo De Canal, particolare del monumento a Belfiore

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da Giacomo e da Maria Battistella. I Canal erano un'illustre famiglia già inclusa nel patriziato veneziano, ma Bernardo aveva rinunciato all'aristocrazia e, di conseguenza, modificò il proprio cognome togliendo la particella nobiliare "de"[1].

Studiò a Venezia con l'abate Natale Talamini per poi iscriversi alla facoltà politico-legale dell'università di Padova dalla quale uscì licenziato (ma non laureato)[1].

Partecipò ai moti antiaustriaci del 1848 a Venezia[2]. Arrestato il 28 giugno 1852 fu rinchiuso nella carceri di Mantova, processato il 4 dicembre e giustiziato il 7 dicembre con Enrico Tazzoli, Angelo Scarsellini e Giovanni Zambelli a Belfiore.

Ha dato il nome alla Scuola Elementare "Bernardo Canal" (situata a 50 metri da San Stin), accorpata nell’anno scolastico 2009-2010 all’Istituto comprensivo "Francesco Morosini" a seguito del dimensionamento scolastico del centro storico da cui sono nati quattro istituti comprensivi[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Sergia Cella, CANAL, Bernardo in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 17, Treccani, 1974. URL consultato il 5 maggio 2012.
  2. ^ Casa de Canal a Venezia.
  3. ^ La nostra storia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]