Carlo Poma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Poma.

Carlo Poma (Mantova, 7 dicembre 1823Belfiore, 7 dicembre 1852) è stato un patriota italiano, uno dei Martiri di Belfiore.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Particolare del Monumento ai Martiri di Belfiore a Belfiore

Rimasto orfano tredicenne del padre Leopoldo, dopo aver frequentato il Regio Ginnasio a Mantova, studiò medicina all'Università di Pavia. Dopo la laurea tornò nelle città natale dove prestò servizio nell'ospedale locale. Nel tempo divenne un seguace delle idee di Giuseppe Mazzini. Si legò a una società segreta fondata a Mantova dal sacerdote Enrico Tazzoli, che si muoveva per la fine del predominio austriaco nell'Italia settentrionale. La casa di Carlo Poma venne usata dai cospiratori come deposito per i manifestini e per altri scritti rivoluzionari. La polizia austriaca agli ordini del commissario Filippo Rossi scoprì le cospirazioni con una perquisizione e nel giugno del 1852 arrestò tra gli altri Poma. Gli austriaci trovarono anche una lista dei cospiratori, lista che diede luogo a ulteriori arresti.
Carlo Poma fu condannato a morte tramite impiccagione nel novembre del 1852. Fu giustiziato nel giorno del suo ventinovesimo compleanno il 7 dicembre 1852 assieme a Giovanni Zambelli, Angelo Scarsellini, Enrico Tazzoli e Bernardo Canal, nella valletta di Belfiore, alle porte di Mantova.

A causa della sua tragica morte Carlo Poma è considerato come uno degli eroi e una delle personalità più importanti del Risorgimento. Porta il suo nome l'Ospedale di Mantova nel quale prestò la sua opera.

Villa Poma[modifica | modifica sorgente]

Il 13 novembre 1868 il consiglio comunale deliberò di cambiare il nome del paese di Mulo in Villa Poma[1] in onore del Dottor Carlo Poma che lì aveva trascorso parte dell'età infantile e giovanile nella villa costruita sui terreni ricevuti in eredità dalla madre Anna Filippini. Il suo profilo compare sullo stemma del comune concesso con regio decreto del 24 gennaio 1869.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Al nome di Carlo Poma è intitolata una breve strada nel quartiere Della Vittoria a Roma. In via Carlo Poma, il 7 agosto 1990 fu uccisa una ragazza di 21 anni, Simonetta Cesaroni. Il colpevole del delitto non è stato tuttora identificato.

Anche Milano, Torino, Firenze, Pesaro, Aprilia e Pomezia hanno intitolato una strada al medico mantovano(come, ad esempio, una traversa di Corso XXII Marzo a Milano, nel quartiere Mirafiori Nord a Torino, o come una strada nel quartiere Pantano a Pesaro). Anche Verona ha una strada intitolata a Carlo Poma, nell'ex quartiere militare detto "Cittadella", con le strade attigue tutte dedicate a patrioti italiani.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Decreto Reale del 24 gennaio 1869 “È autorizzato il Comune di Mulo ad assumere la denominazione di VILLA POMA”, firmato da Re Vittorio Emanuele II.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Momoli, Carlo Poma e la congiura mazziniana, Editoriale Sometti, Mantova, 2007.
  • Confortatorio di Mantova negli anni 1851,52,53 e 55 - Luigi Martini

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]