Giovanni II de la Tour-du-Pin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni II de la Tour-du-Pin

Giovanni II de la Tour-du-Pin (1280Pont de Sorgues, 5 marzo 1319) è stato un nobile francese.

Egli era figlio di Umberto I (1240 c.a. – 1307), delfino del Viennois, signore de la Tour-du-Pin e signore di Coligny, e di Anna di Borgogna (1255 – 1298).[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

L'opera politica principale di Giovanni II è stata quella di delimitare la frontiera delfino-savoiarda con nuove città fortificate per rafforzarne la difesa. Egli volle utilizzare la tregua fra il Delfinato e la Contea di Savoia che non erano difese che da alberi. Tale politica è identica a quella praticata dai re d'Inghilterra in Aquitania nello stesso periodo storico.

Egli cercò di attrarre nuovi abitanti con la concessione di terre tolte alle foreste e di diritti di utilizzo per la costruzione di case ed in cambio i nuovi abitanti erano tenuti a cavalcare a breve distanza ed all'interno dei loro bastioni per resistere alle incursioni savoiarde. Accordando franchigie fiscali a questi paesi, egli riuscì a far fermare abitanti su quei luoghi, che partecipavano così alla difesa del territorio.

A quell'epoca i paesi di La Buissière[2] e Avalon[3] erano circondati da un bastione formante un villaggio militare. Questa barriera era stata finanziata dagli abitanti stessi che pagavano un canone in natura chiamato vingtain, applicato per la prima volta nel 1310. La carta che assicurava la franchigia a La Bussiere fu concessa dal Delfino tra il 1308 ed il 1315, mentre Avalon la ricevette nell'agosto del 1313, poco dopo che il paese era stato incendiato dai savoiardi, non essendo ancora difeso che da una palizzata in legno. Giovanni II si recava spesso a La Buissière e ad Avalon durante il suo regno, verosimilmente per verificare l'avanzamento dei lavori di fortificazione.

Giovanni II morì durante il viaggio di ritorno da una visita alla corte pontificia di Avignone.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica sorgente]

Nel 1296 Giovanni sposò Beatrice d'Ungheria (1290 – 1354), figlia di Carlo Martello d'Angiò e di Clemenza d'Asburgo. La coppia ebbe due figli:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anna di Borgogna era figlia di Beatrice di Faucigny (1237 – 1310), a sua volta figlia di Pietro II di Savoia (1203 – 1268). Inoltre, essendo Ghigo VII del Viennois il padre di Anna, quest'ultima, alla morte del fratello Giovanni I del Viennois, ultimo delfino della Casa di Borgogna, ereditò il titolo di Delfina che passò al marito Umberto e, di conseguenza, ai figli.
  2. ^ Comune sito nell'attuale dipartimento dell'Isère
  3. ^ Avalon è un antico comune francese, oggi incorporato nel territorio del comune di Pontcharra sur Breda

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Delfino del Viennois,
Signore de la Tour-du-Pin
Successore Dauphin of Viennois Arms.svg
Umberto I de la Tour-du-Pin 1307-1319 Ghigo VIII de la Tour-du-Pin