Giovan Vettorio Soderini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Vettorio Soderini (Firenze, 1526Volterra, 3 marzo 1596) è stato un agronomo italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque in una famiglia che aveva dato un "gonfaloniere a vita" alla repubblica, Pier Soderini, e un cardinale alla Chiesa.

Fu mandato a studiare all'Università di Bologna, dove apprese filosofia e diritto. Al ritorno in Toscana si espresse senza riserve contro i Medici e fu coinvolto in un complotto che aveva come scopo di togliere loro il potere. Condannato dal Consiglio degli Otto alla morte per decapitazione, fu salvato grazie alla generosità di Ferdinando I de' Medici, che lo fece esiliare a vita a Cedri, presso Volterra. Soderini alleviò la noia dell'esilio studiando l'agricoltura e scrivendo su questa scienza opere notevoli.

Trattato della coltivazione delle viti, e del frutto che se ne può cavare[modifica | modifica sorgente]

Il Trattato della coltivazione delle viti, e del frutto che se ne puô cavare (edito a Firenze da Filippo Giunti, 1600, in-4°) è un trattato di viticoltura, dedicato dall'editore a Luigi Alamanni, senza dubbio il figlio omonimo del famoso poeta autore de La coltivazione.

Apparve per la prima volta accompagnato da un altro trattato sul medesimo soggetto, di Bernardo Davanzati, e dall'Apologia del popone, di Giachini. L'opera di Soderini fu in seguito ristampata separatamente da Manni, Firenze, 1734, in-4°, con qualche aggiunta sulla vita dell'autore.

Il trattato, che gli accademici della Crusca hanno inserito nel novero dei testi di lingua, contiene numerosi precetti, sui vigneti e sull'arte della fabbricazione e conservazioni dei vini, che l'esperienza successiva nel campo della viticoltura e dell'enologia non hanno mai smentito.

Soderini era certo della grande importanza degli astri e della loro posizione in merito alla viticoltura: per esempio, consigliava di vendemmiare con la luna calante in uno specifico segno, perché se si raccoglieva meno vino si era almeno certi della sua qualità e conservazione.

Altre opere[modifica | modifica sorgente]

Breve descrizione delle pompa funerale fatte nell'esequie del gran duca Francesco Medici, ibid., 1587, in-4° ; Trattato di agricoltura, ibid., 1811, in-4° ; Delia coltura degli orti e giardini, ibid, 1814, in-4° ; Trattato degli alberi, ibid., 1817, in-4°.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gioan Vettorio Soderini, in Louis-Gabriel Michaud, Biographie universelle ancienne et moderne: histoire par ordre alphabétique de la vie publique et privée de tous les hommes avec la collaboration de plus de 300 savants et littérateurs français ou étrangersì, 2e édition, 1843-1865