Giacomo Legi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giacomo Legi (Liegi, 1600Milano, 1640) è stato un pittore fiammingo, detto il Liegi.

Biografia[1][2][modifica | modifica sorgente]

Pittore fiammingo originario probabilmente di Liegi, fu attivo in Italia nel XVII secolo. Trasferitosi a Genova, divenne cognato ed allievo di Giovanni Rosa, pittore fiammingo naturalizzato italiano. Ispirandosi al maestro, fu soprattutto autore di nature morte e collaborò durante il suo soggiorno nel capoluogo ligure con il pittore genovese Domenico Fiasella.

Ammalatosi, si trasferì per curarsi a Milano, ove morì nel 1640.

Opere[3][modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Abecedario pittorico; di Pellegrino Antonio Orlandi e Pietro Guarienti Google books
  2. ^ Le Vite De Pittori Scoltori, Et Architetti Genovesi, E de' Forastieri, che in Genoua operarono Con alcuni Ritratti de gli stessi; di Raffaele Soprani e Giovanni Nicolò Cavana Google books
  3. ^ Opere d'arte di GIACOMO LEGI detto LIEGI (1645 ATT.) arteantica.eu
  4. ^ SALA 18 Rubens, Van Dyck e Jan Roos museidigenova.it
  5. ^ La letteratura ligure in genovese e nei dialetti locali Volume III.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pellegrino Antonio Orlandi, Pietro Guarienti, Abecedario pittorico, Venezia.
  • Raffaele Soprani, Giovanni Nicolò Cavana, Le Vite De Pittori Scoltori, Et Architetti Genovesi, E de' Forastieri, che in Genoua operarono Con alcuni Ritratti de gli stessi, Genova
  • Fiorenzo Toso, La letteratura ligure in genovese e nei dialetti locali, vol. 1, Le Mani, Recco 2009.