Gerda Taro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gerda Taro

Gerda Taro Pohorylle (Stoccarda, 1º agosto 1910Brunete, 26 luglio 1937) è stata una fotografa tedesca.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu una fotoreporter, la prima giornalista di guerra a cadere durante l'espletamento della sua professione. Entra nella Storia della fotografia soprattutto per i suoi reportage realizzati durante la Guerra di Spagna ove morì giovanissima.

Gerda Taro il cui vero nome era Gerta Pohorylle, nasce da una famiglia di ebrei polacchi. Nonostante le sue origini borghesi, giovanissima entra a far parte di movimenti socialisti e lavoratori. Per questi motivi e per la sua origine ebraica l’avvento del nazismo in Germania le crea molti problemi.

Finisce in carcere in quanto attiva nel Partito Comunista tedesco e subito dopo decide di scappare con un amico a Parigi.

A Parigi conosce Endre Friedman, un ebreo anch'esso comunista, ungherese, che sbarca il lunario facendo il fotografo. Endre e Gerda si fidanzano e Endre le insegna ciò che sa sulla fotografia. Insieme, un po’ per sfida, un po’ per opportunità, inventarono il personaggio “Robert Capa”, un fantomatico ma celebre fotografo americano giunto a Parigi per lavorare in Europa. Grazie a questo curioso espediente la coppia moltiplica le proprie commesse e guadagna parecchi soldi.

Soldatessa repubblicana 1936

Nel 1936 entrambi decidono di seguire sul campo gli sviluppi della guerra civile spagnola, guerra che inciderà parecchio sulla vita dei due. Giunti in Spagna divennero immediatamente importanti testimoni della guerra, realizzando molti reportage pubblicati in periodici come "Regards" o "Vu."

Nota fra le milizie antifasciste per la sua freschezza, coraggio ed eccezionale bellezza, rischiò sempre la vita per realizzare i propri servizi fotografici.

All’inizio il marchio "Capa-Taro" fu usato indistintamente da entrambi i fotografi. Successivamente i due divisero la 'ragione sociale' -CAPA- e André Friedman adottò definitivamente lo pseudonimo Robert Capa per sé.

Gerda realizzò, in un periodo in cui Capa era per alcuni giorni a Parigi per rapporti con le agenzie, il suo più importante reportage durante la battaglia di Brunete. All'inizio parve una grande vittoria repubblicana.

Il contrattacco franchista ribaltò presto la situazione e Gerda fu allora testimone dei selvaggi bombardamenti dell'aviazione nazionalista, scattando numerose fotografie e sempre con estremo rischio per la propria vita.

Testimoni raccontano che spesso incitava lei stessa i combattenti "all'attacco"; la sua fede rivoluzionaria e antifascista era puro slancio.

L'articolo che venne pubblicato sulla rivista “Regards”, diede un grande lustro alla reporter tedesca.

La morte[modifica | modifica sorgente]

Al ritorno dal fronte di Brunete, Gerda Taro perse la vita a causa di un terribile incidente .

Gerda viaggiava aggrappata al predellino esterno della vettura del generale polacco Walter Swierckinsky, colma di feriti; Walter fu un noto Comandante delle Brigate Internazionali.

Ad un certo punto, aeroplani nazisti volarono a bassa quota sul convoglio repubblicano mitragliandolo, seminando il panico e provocando il caos fra i vari veicoli fra i quali quello della reporter. Un carro armato repubblicano amico urtò, nel trambusto generale, l'auto alla quale era aggrappata Gerda che cadde sotto i cingoli del tank restando schiacciata e sventrata letteralmente all'altezza dello stomaco e più in basso.

Gerda non perse conoscenza e durante il penoso trasferimento, che durò ore, all'ospedale di Madrid 'El Geloso' (zona dell'Escorial) si mantenne le viscere in sede con la pressione delle proprie mani; i testimoni ricordano un'incredibile freddezza e coraggio nella ragazza.

Alcuni tra i migliori medici delle Brigate Internazionali le trasfusero plasma e tentarono di operarla senza anestetici e senza antibiotici (di cui non vi era disponibilità), di suturare la devastante ferita ma si resero subito conto che ogni tentativo non l'avrebbe mai salvata; il suo organismo non poteva più svolgere alcuna funzione vitale che si protraesse oltre le poche ore.

All'infermiera che dovette vegliarla fu indicato di somministrarle tutta la morfina possibile per non farla soffrire in quanto il decesso era inevitabile. La ragazza si preoccupava comunque delle proprie macchine fotografiche chiedendo "se si erano rotte".

Restò in vita e vigile sino all'alba del 26 luglio 1937; morì intorno alle ore 5 semplicemente "chiudendo gli occhi". Gerda aveva 26 anni.

Il suo corpo fu traslato a Parigi e accompagnato da 200mila persone fu tumulato al Père Lachaise con tutti gli onori dovuti ad un'eroina repubblicana. Allo scultore Alberto Giacometti venne chiesto di realizzare il tumulo funebre. Pablo Neruda e Louis Aragon lessero un elogio 'in memoriam'.

Il suo compagno Capa non si riprese mai più dalla morte della dolce e vivacissima Gerda, prima donna reporter a morire sul lavoro. Da allora anch'egli rischierà sempre la morte sul lavoro, incontrandola poi nel 1954 nella guerra di Indocina.

Un anno dopo la morte di Gerda, nel 1938, Robert Capa pubblicherà in sua memoria "Death in the Making", riunendo molte foto scattate insieme.

La sua tomba a Parigi, giace dimenticata nella zona di Pere Lachaise dedicata ai rivoluzionari e alla Resistenza, vicino al noto Mur des Federès.

Nel 1942 il regime collaborazionista fascista francese colluso con gli occupanti nazisti, censurò l'epitaffio inciso sulla tomba di Gerda, epitaffio mai più restaurato. La tomba, date le modifiche accorse nel 1953, è accessibile da un viottolo posteriore, quindi posta "alla rovescio" rispetto a quando fu costruita.

La tomba di Gerda Taro fu l'unica ad essere violata dalla mano nazi-fascista, forse data la popolarità che ancora la giovane rivoluzionaria, caduta nella guerra contro il fascismo, esercitava sulla crescente Resistenza francese.

Gerda Taro, rimasta nell'ombra del più noto fidanzato Robert Capa e relegata al ruolo di sua compagna è, dalla metà degli anni 1990, oggetto di interesse storico per il suo ruolo di giovanissima donna contro-corrente, rivoluzionaria militante sino al sacrificio massimo e protagonista della storia della fotografia e della Resistenza al fascismo.

Gerda Taro nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

  • Il romanzo Waiting for Robert Capa di Susana Fortes (2011) è una narrazione romanzata della vita di Robert Capa e Gerda Taro.
  • La canzone Taro, contenuta nell'album An Awesome Wave (2012) della band inglese ∆ (Alt-J), è dedicata alla fotografa tedesca e al suo compagno.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Irme Schaber, "Gerda Taro: una fotografa rivoluzionaria nella guerra civile spagnola" (Roma: DeriveApprodi, 2007), con una prefazione di Elisabetta Bini (Gerdaphoto)
  • "Gerda Taro, fotógrafa de guerra", de Fernando Olmeda (Editorial Debate, 2007).
  • Irme Schaber: Gerda Taro: Fotoreporterin im spanischen Bürgerkrieg
  • François Maspero : L'ombre d'une photographe, Gerda Taro, Paris Le Seuil, 2006
  • Manuela Fugenzi, L'eredità di Gerda Taro, «Storicamente», 4 (2008)
  • Sara Galli, Gerda Taro e le altre, «Storicamente», 4 (2008)
  • Susana Fortes, "Istantanea di un amore", editore Nord
  • Arroyo, Lorna. Documentalismo técnico en la Guerra Civil española. Inicios del fotoperiodismo moderno en relación a la obra de Gerda Taro.Castellón: Universidad Jaime I, 2011. ISBN 978-84-694-9871-2

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64211157 LCCN: n95088174