Gazella bennettii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gazzella indiana[1]
Chinkara.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Genere Gazella
Specie G. bennettii
Nomenclatura binomiale
Gazella bennettii
Sykes, 1831

La gazzella indiana (Gazella bennettii Sykes, 1831), o chinkara, è una specie di gazzella diffusa in Asia meridionale.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questa specie misura un'altezza al garrese di 65 cm e pesa circa 23 kg. Il manto estivo, con pelo ruvido e lucido, è di color fulvo-rossastro. D'inverno, invece, si nota maggiormente il bianco del ventre e della gola. Sui lati della faccia sono presenti due strisce color castano scuro, delimitate da strisce bianche, che vanno dall'angolo dell'occhio al muso. Le corna misurano più di 39 cm[3].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La gazzella indiana viene suddivisa in sei sottospecie:

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'areale di questa specie ricopre gran parte delle regioni occidentali e centrali dell'India e, attraverso il Pakistan, si estende fino all'Afghanistan sud-occidentale e all'Iran centro-settentrionale. La principale roccaforte della specie, tuttavia, è il Deserto di Thar. In Pakistan il suo areale si è estremamente ridotto a causa della caccia sconsiderata e, malgrado la specie sia ancora piuttosto diffusa, sopravvive solo in sparuti gruppetti. Anche in Iran è molto rara e sopravvive in gran numero solamente nel parco nazionale di Kavir.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

È un animale timido ed evita gli insediamenti umani. Può sopravvivere senz'acqua per lunghi periodi di tempo, dato che ricava i liquidi necessari dai vegetali di cui si nutre e dalla rugiada. Nonostante venga avvistata quasi sempre da sola, talvolta può riunirsi in gruppetti comprendenti fino a quattro esemplari.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Alcuni ricercatori ritengono che la diminuzione delle chinkara sia stata la causa principale della scomparsa in India del ghepardo asiatico. La popolazione, tuttora in diminuzione, è minacciata dalla caccia grossa. Fortunatamente, le comunità bishnoi assicurano protezione a questa specie, così come a molti altri animali dello Stato del Rajasthan. In un episodio divenuto famoso, una star cinematografica indiana, Salman Khan, è stata condannata a 5 anni di prigione per aver abbattuto alcuni esemplari di chinkara e antilope cervicapra posti sotto la loro protezione. Anche un'altra star cinematografica, Saif Ali Khan, è stata accusata di simile reato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Gazella bennettii in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Mallon, D.P. 2008, Gazella bennettii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  3. ^ Prater, S. H. 1971 The Book of Indian Animals. Oxford University Press, 2005 reprint.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi