Fausto Radici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fausto Radici
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 184 cm
Peso 97 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom gigante, slalom speciale
Ritirato 1976
Palmarès
Campionati italiani 1 0 1
Coppa Europa[1] 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Fausto Radici (Bergamo, 24 settembre 1953Peia, 13 aprile 2002) è stato uno sciatore alpino italiano.

Era marito della sciatrice Elena Matous, con la quale ha avuto due figli[2].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera sciistica[modifica | modifica sorgente]

Figlio di noti industriali bergamaschi[2], Fausto Radici è stato uno degli alfieri della cosiddetta Valanga azzurra che negli anni settanta dominò le specialità tecniche dello sci alpino.

Sciatore che riusciva a gareggiare ad alto livello nonostante fosse privo della vista da parte di un occhio[2], in carriera ottenne i risultati più significativi nello slalom speciale, disciplina nella quale riuscì a conquistare due successi in Coppa del Mondo. L'atleta lombardo si è aggiudicato anche la Coppa Europa nel 1973[1][3]; ai Campionati italiani ha conquistato una medaglia in slalom gigante[4] e una in slalom speciale[5].

Altre attività[modifica | modifica sorgente]

Terminata l'attività agonista, si dedicò all'imprenditoria nell'azienda familiare, attività che svolse fino alla morte avvenuta nel 2002 per suicidio[2].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 14º nel 1974 e nel 1976
  • 5 podi (tutti in slalom speciale):
    • 2 vittorie
    • 1 secondo posto
    • 2 terzi posti

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Luogo Paese Disciplina
5 gennaio 1976 Garmisch-Partenkirchen bandiera Germania Ovest SL
19 dicembre 1976 Madonna di Campiglio Italia Italia SL

Coppa Europa[modifica | modifica sorgente]

Campionati italiani[modifica | modifica sorgente]

  • Campione italiano di slalom speciale nel 1974

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d ÖSV-Siegertafel. URL consultato il 7 gennaio 2011.
  2. ^ a b c d Alessandro Trocino, Si uccide Radici, guerriero dello sci azzurro in Il Corriere della Sera, 15 aprile 2002, p. 16. URL consultato il 4 agosto 2010.
  3. ^ Il premio fair play alla memoria di Fausto Radici. URL consultato il 4 agosto 2010.
  4. ^ "Albo d'oro" su Losportitaliano.it (1950-2006). URL consultato il 7 gennaio 2011.
  5. ^ "Albo d'oro" sul sito della FISI (1931-2007). URL consultato il 7 gennaio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Roberto Della Torre, Un uomo meraviglioso. Lo sci e le opere di Fausto Radici, Milano, Lampi di stampa, 2004, ISBN 88-488-0362-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]