Extracomunitario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine extracomunitario esprime, letteralmente, lo stato della cittadinanza di un soggetto (persona fisica ma anche giuridica[1]) in relazione alle vigenti normative dell'Unione europea in tema di cittadinanza[2]: un soggetto extracomunitario è colui che non possiede cittadinanza di uno degli Stati membri dell'Unione europea[3].

Genesi ed utilizzo del termine[modifica | modifica sorgente]

Il termine si diffonde in Italia negli anni ottanta[4] per designare enfaticamente la "diversità" di migranti nel territorio italiano; l'espressione "extracomunitari" discrimina rispetto alla "comunità locale," gruppi eterogenei di persone, connotandoli come una comunità "illegale," "irregolare," velata di segretezza, sovversività e invisibilità[5]. Secondo il docente Grace Russo Bullaro, il sentimento dietro il termine extracomunitari è lo stesso di quello che ha generato il termine "terroni".[6]

Nonostante l'iniziale caratterizzazione "negativa" del termine, e forse proprio per questo motivo, il termine "extracomunitario" viene utilizzato dalla dottrina giuridica italiana con maggiore frequenza rispetto al più neutrale "non comunitario". Con il termine "extracomunitario" si rafforza l'idea di uno status giuridico diverso rispetto a quello dei cittadini comunitari e dei cittadini stranieri parificati ai cittadini comunitari[7]

Nel linguaggio comune e in quello dei media il termine è generalmente usato per indicare persone immigrate in Europa e provenienti da paesi economicamente disagiati[3]. Nel suo significato letterale sono, invece, extracomunitari, coloro che non godono di una cittadinanza diretta cioè per nascita o per elezione di uno stato membro dell'unione europea, ad esempio, sia un cittadino svizzero (dal momento che la Svizzera non è uno degli Stati membri dell'Unione europea), sia anche ogni cittadino extraeuropeo, ad esempio proveniente dagli Stati Uniti d'America sono extracomunitari.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scuole private straniere (extracomunitarie)
  2. ^ L’extracomunitario: definizione e status
  3. ^ a b Sulla Treccani
  4. ^ Italy and its discontents: family, civil society, state, 1980-2001, Ginsborg (2003) p.62
  5. ^ Re-viewing fascism: Italian cinema, 1922-1943, Reiche e Garofalo (2002) p.111
  6. ^ Bullaro (2010) p.181
  7. ^ Viscomi A., Giuslavoristi ed immigrazione extracomunitaria: un incontro difficile, in Lav. Dir.,1992

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bullaro, Grace Russo (2010) From Terrone to Extracomunitario: New Manifestations of Racism
  • Gordon e Breach (2001) Identities: global studies in culture and power: Volume 8 su google books
  • Franchini e Guidi (1990) Una città bianco e nero. Extracomunitari a Modena
  • Papperini, Giovanni (1987) "Immigrazione e Cittadinanza", Pirola Editore

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]