Eudyptes chrysocome

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pinguino saltarocce
Gorfou sauteur - Rockhopper Penguin.jpg
Eudyptes chrysocome
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Sphenisciformes
Famiglia Spheniscidae
Genere Eudyptes
Specie E. chrysocome
Nomenclatura binomiale
Eudyptes chrysocome
(J. R. Foster, 1781)
Sinonimi

Eudyptes crestatus
Eudyptes cristatus

Nomi comuni

pinguino saltatore

Sottospecie
  • E. chrysocome chrysocome
  • E. chrysocome filholi

Il pinguino saltarocce (Eudyptes chrysocome (Forster, 1781)) è un uccello della famiglia Spheniscidae.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Primo piano di E. chrysocome

Ha un corpo piuttosto tozzo, nero sul dorso e bianco sul ventre. Caratteristiche sono le lunghe piume gialle, simili a sopracciglia, poste ai lati della testa.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Uovo di E. chrysocome

Formano ampie colonie in zone costiere rocciose; il nome della specie deriva proprio dall'abitudine di spostarsi lungo le spiagge saltando da un masso all'altro.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Catturano le prede tuffandosi sott'acqua. Si nutrono principalmente di krill (Euphausia vallentini, E. lucens) e anfipodi (Themisto gaundichaudii), ma anche di pesci e cefalopodi.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La stagione riproduttiva è variabile, tra settembre e dicembre, con un inizio più tardivo per le popolazioni meridionali.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

La specie è suddivisa in 2 sottospecie:[2]

  • Eudyptes chrysocome chrysocome (J.R.Foster, 1781) - diffusa fra le isole Falkland e Capo Horn.
  • Eudyptes chrysocome filholi Hutton, 1879 - diffusa nelle isole Kerguelen e nelle isole subantartiche della Nuova zelanda

██ areale di E. chrysocome chrysocome

██ areale di E. chrysocome filholi

██ areale di E. moseleyi

██ zone di nidificazione

In passato veniva considerata una terza sottospecie (E. chrysocome moseleyi) oggi elevata al rango di specie a sé stante (Eudyptes moseleyi).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

E. chrysocome nidifica in numerose isole dell'oceano Atlantico meridionale, dell'oceano Indiano meridionale e dell'oceano Pacifico meridionale.[1]
Delle due sottospecie note, E. chrysocome chrysocome nidifica sulle isole Falkland (o Malvine), ed in numerose altre isole al largo delle coste di Cile e Argentina, sino a Capo Horn; la sottospecie E. chrysocome filholi ha i suoi siti di nidificazione sulle isole del Principe Edoardo (Sudafrica), sulle isole Crozet e Kerguelen (Territori Francesi Meridionali), sulle isole Heard e Macquarie (Australia) e sulle isole Campbell, Auckland e Antipodi (Nuova Zelanda).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) BirdLife International 2012, Eudyptes chrysocome in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Spheniscidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • M. A. Hindell, "The diet of the Rockhopper Penguin Eudyptes chrysocome at Macquarie Island" Emu 88: 227-233 (1988)
  • N. T. W. Klages, M. L. Brooke, B. P. Watkins, "Prey of Rockhopper Penguins at Gough Island, South Atlantic Ocean" Ostrich 59: 162-165 (1988)
  • P. J. Moors, "Decline in number of Rockhopper Penguis at Campbell Island" Polar Record: 23: 69-73 (1986)
  • I. J. Strange, "Breeding ecology of the Rockhopper Penguin (Eudyptes crestatus) in the Falkland Islands" Gerfaut 72: 137-187 (1982)
  • J. Warham, "The Rockhopper Penguin, Eudyptes chrysocome at Macquarie Island" Auk 80: 229-256 (1963)
  • A. J. William, "Rockhopper Penguins Eudyptes chrysocome at Gough Island" Bull. Brit. Orn. Club 100 (4): 208-212 (1980)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli