Emanuele Pessagno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Emanuele Pessagno (disambigua).

Emanuele Pessagno (Lavagna, ... – ...) è stato un navigatore italiano.

Nato a Lavagna da nobile famiglia genovese, figlio di Simone Pessagno, Signore di Passano, fin da giovane fu avviato alla carriera e alle arti marinaresche. Nel 1303 ebbe il suo primo comando di una galea con la quale si spinse fin nel Mar Nero. Nel 1306 navigò fino in Inghilterra dove si fermò a ricoprire importanti incarichi nell'ambito della flotta di Edoardo II ed Edoardo III. Trasferitosi poi in portogallo fu al servizio del re Dionigi del Portogallo che nel 1317 gli conferì l'incarico di direttore delle costruzioni navali, oltre a quello di Ammiraglio comandante supremo della flotta.

Emanuele fu abile navigatore e tecnico navale, oltre che un ottimo ammiraglio e abile diplomatico presso la corte inglese. Nel 1337 riprese il comando della flotta portoghese. In uno scontro navale con la flotta spagnola fu fatto prigioniero e recluso nel castello di Jerez per tre anni. Liberato, tornò alla corte portoghese di Alfonso IV dove ricoprì l'incarico di amministratore dei beni ecclesiastici. Morì in data imprecisata lasciando, come previsto all'atto della sua nomina, la carica di Ammiraglio ai figli che gli succedettero.

Il suo nome è stato dato ad un cacciatorpediniere della Regia Marina italiana che operò durante la seconda guerra mondiale.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nicola Sarto. Gli esploratori - poi cacciatorpediniere - classe "Navigatori", "Marinai d'Italia", 2007, 12, 17-32.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie