Dušan Šakota

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dušan Šakota
Dusan Sakota.jpg
Šakota in azione con la maglia della Cimberio Varese
Dati biografici
Nome Dušan Šakota
Душан Шакота
Nazionalità Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro
Serbia Serbia
Grecia Grecia
Altezza 210 cm
Peso 111 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala grande
Squadra 600px Giallo con aquila bicefala nera.svg AEK Atene
Carriera
Squadre di club
2003-2007 Panathinaikos Panathinaikos 63
2007-2008 Panionios Paniónios 23
2008-2009 Panathinaikos Panathinaikos 24
2009-2010 V.L. Pesaro V.L. Pesaro 27
2011-2012 Ostenda Ostenda 8
2012 Enisey Krasnojarsk Enisey Krasnojarsk 18
2012-2014 Pall. Varese Pall. Varese 67 (534)
2014- 600px Giallo con aquila bicefala nera.svg AEK Atene
Nazionale
2003-2004
2005-2006
2009
Grecia Grecia U-18
Grecia Grecia U-20
Grecia Grecia Militare
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 luglio 2014

Dušan Šakota, in serbo Душан Шакота? (Belgrado, 22 aprile 1986), è un cestista serbo naturalizzato greco.

È figlio di Dragan Šakota, allenatore che si stabilì in Grecia nel 1990, quando sedette sulla panchina del PAOK Salonicco.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Cresce nelle giovanili dell'AEK Atene, restandovi fino al 2003 quando il padre lascia la panchina della prima squadra. Šakota firma quindi il suo primo contratto da professionista con il Panathinaikos. Qui rimane per quattro anni senza però trovare molto spazio, e così nel 2007-08 va a farsi le ossa in prestito al Panionios per un anno: la squadra si fa strada in campionato fino ad arrivare alle semifinali scudetto, mentre l'apporto medio del giocatore è pari a 11,3 punti e 4,3 rimbalzi a partita.

Una volta ritornato alla casa madre gioca un'altra stagione con il Panathinaikos ma il suo impiego continua a essere limitato, con 11 minuti di media. Nonostante i numerosi successi ottenuti con i biancoverdi in campo nazionale e continentale, nell'estate 2009 Šakota in scadenza di contratto decide di lasciare il club ateniese per approdare in Italia alla Scavolini Spar Pesaro, dove è stabilmente nel quintetto titolare.

Il 25 aprile 2010 nel corso del match esterno contro Teramo si scontra fortuitamente col playmaker avversario Giuseppe Poeta, ma durante la notte seguente si sente male e viene operato d'urgenza all'intestino. Nella giornata di martedì 27, a seguito di un'emorragia interna, viene nuovamente operato e viene indotto in stato di coma farmacologico.[1][2]

Si è poi ripreso e nel 2011-12 ha militato nel BC Ostenda, e successivamente si è trasferito all'Enisey Krasnojarsk. Nell'estate 2012 è stato ingaggiato dalla Pallacanestro Varese.[3] A Varese gioca una buona stagione aiutando la squadra ad ottenere il 1º posto in stagione regolare. Diventa assoluto protagonista nei playoff in gara 6 della semifinale contro la Montepaschi Siena quando con le squadre in parità a 62 centesimi dalla fine sulla rimessa da fondo campo infila un incredibile canestro che regala la vittoria a Varese che così pareggia la serie ed espugna Siena dopo 7 anni dall'ultima sconfitta casalinga nei playoff.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Squadra[modifica | modifica sorgente]

Panathinaikos: 2006-2007, 2008-2009
Panathinaikos: 2003-2004, 2004-2005, 2005-2006, 2006-2007, 2008-2009
Panathinaikos: 2005, 2006, 2007, 2009

Individuale[modifica | modifica sorgente]

  • Greek League Co-Newcomer of the Year (2004)
  • Greek League Most Improved Player of the Year (2008)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pesaro in ansia per Sakota È in pericolo di vita, la Gazzetta dello Sport, 27-04-2010.
  2. ^ Sakota, nuovo intervento È in coma farmacologico, la Repubblica, 27-04-2010.
  3. ^ pallacanestrovarese.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]