Dorothea Tanning

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dorothea Tanning (Galesburg, 25 agosto 1910New York, 31 gennaio 2012) è stata una pittrice, poetessa e scrittrice statunitense, ha disegnato anche dei costumi per balletti e per il teatro.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata a Galesburg, nell'Illinois, si trasferì giovane a Parigi, dove visse per ventotto anni, prima di andare a vivere a New York. Lì conobbe il noto pittore Max Ernst, che le permise di frequentare i circoli del Surrealismo, nel 1942. Nel '46 i due si sposarono.

Nel corso del suo novantacinquesimo anno una galleria di New York le ha dedicato una mostra nella quale sono stati raccolti per la prima volta tutti i suoi quadri. I critici in quella occasione hanno dichiarato che Eine kleine Nachtmusik è certamente la sua opera migliore e più significativa.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Pittura[modifica | modifica sorgente]

Negli anni quaranta il suo stile era tipicamente surrealista, ma a metà degli anni cinquanta si assiste ad un cambiamento radicale. Ella stessa dichiarò di aver rotto lo specchio con il quale vedeva dopo aver dipinto nel 1957 Insomnias, un altro suo quadro particolarmente significativo. In quella tela la Tanning ha rappresentato lo spostamento di energie in quel particolare momento storico del dopoguerra[1].

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Dopo la morte del marito, avvenuta nel 1976, ha cominciato anche a dedicarsi alla poesia e alla stesura di alcuni romanzi, di cui il più noto è Chasm, pubblicato nel 2004.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'autrice stessa lo ha dichiarato rivedendo il quadro nel Moderna Museet di Stoccolma nel 2000

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 85510249 LCCN: n80034162