Disastro aereo dell'Alianza Lima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Disastro aereo dell'Alianza Lima
Un Fokker F27 simile a quello coinvolto nell'incidente
Un Fokker F27 simile a quello coinvolto nell'incidente
Tipo di evento Incidente
Data 8 dicembre 1987
Tipo Errore del pilota, manutenzione inadeguata[1]
Luogo Al largo di Callao
Stato Perù Perù
Coordinate 11°58′10″S 77°09′36″W / 11.969444°S 77.16°W-11.969444; -77.16Coordinate: 11°58′10″S 77°09′36″W / 11.969444°S 77.16°W-11.969444; -77.16
Tipo di aeromobile Fokker F27
Operatore Marina de Guerra del Perú (charter)
Numero di registrazione AE-560
Partenza Aeroporto Internazionale di Pucallpa, Perù
Destinazione Aeroporto Internazionale Jorge Chávez, Lima
Passeggeri 39
Equipaggio 5
Vittime 43
Feriti 0
Sopravvissuti 1
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Perù

Aviation-safety.net

voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il Disastro aereo dell'Alianza Lima fu un incidente aereo avvenuto l'8 dicembre 1987. È conosciuto anche come Tragedia del Alianza Lima poiché tra le vittime figurarono i giocatori della rosa della società calcistica dell'Alianza Lima.[2]

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La formazione dell'Alianza Lima, soprannominata Los Potrillos e considerata una delle migliori del Perù in quegli anni,[2][3][4] aveva effettuato una trasferta a Pucallpa per disputare un incontro di campionato contro il Deportivo Pucallpa, la squadra locale: una volta terminata la gara (1-0 in favore dell'Alianza, gol di Carlos Bustamante), i giocatori si diressero all'Aeropuerto Internacional Capitán FAP David Abenzur Rengifo, ove li aspettava un volo charter della Marina de Guerra del Perú.[2] Insieme ai calciatori, si imbarcarono anche lo staff tecnico, dei giornalisti e alcuni tifosi.[1]

Il volo e l'incidente[modifica | modifica wikitesto]

L'apparecchio era comandato dal tenente Edilberto Villar e dal suo vice César Morales. I due avevano scarsa esperienza di volo notturno;[1] l'aereo decollò da Pucallpa alle 18:30.[2] L'aereo era in condizioni di scarsa manutenzione e registrava svariati malfunzionamenti nella strumentazione di bordo.[1] Alle 20:05 l'equipaggio contattò la torre di controllo dell'Aeroporto Internazionale Jorge Chávez di Lima per chiedere l'autorizzazione ad atterrare; nonostante dei problemi con il sistema d'illuminazione della pista, il permesso fu accordato.[2] Un guasto a bordo fu mal interpretato dai piloti, che sbagliarono a consultare il manuale per le situazioni d'emergenza;[1] durante una manovra per tornare in linea con la pista, una delle ali dell'aereo (quella destra) colpì il mare e l'apparecchio si inabissò nell'Oceano Pacifico al largo di Callao.[2]

Le vittime[modifica | modifica wikitesto]

Equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

  • César Morales
  • Altri quattro membri

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Sussoni
  • Marcos Calderón (allenatore)
  • Andrés Eche Chunga (magazziniere)
  • Washington Gómez (dirigente)
  • Rolando Gálvez (preparatore atletico)
  • Orestes Suárez (medico)

Altri passeggeri[modifica | modifica wikitesto]

  • Altre diciassette vittime

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) New revelations about plane crash killing Peruvian football team 19 years ago, livinginperu.com, 11 ottobre 2006. URL consultato il 29-4-2011.
  2. ^ a b c d e f (ENES) Aldo Panfichi; Víctor Vich, La tragedia de Alianza Lima, 1987, flacso.org.ec. URL consultato il 29-4-2011.
  3. ^ (ES) Directiva de Alianza Lima costernada al conocer verdad de tragedia del Fokker en 1987, terra.com.pe, 11 ottobre 2006. URL consultato il 29-4-2011.
  4. ^ (ES) Biografias de los postrillos, clubalianzalima.com. URL consultato il 29-4-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]