Cristoforo Munari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cristoforo Munari (Reggio nell'Emilia, 21 luglio 1667Pisa, 3 giugno 1720) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Munari artisticamente si formò alla scuola emiliana, ma, verso la fine del secolo, si trasferì a Roma.

Abilissimo pittore di nature morte, iniziò dipingendo le cosiddette «cucine rustiche» (utensili, selvaggina, salumi, punte di formaggio «grana»), poi il suo stile si evolse e nei suoi dipinti iniziarono ad apparire raffinate porcellane cinesi, che diventarono quasi una sua firma[1].

Fra il 1706 ed il 1715 fu a Firenze, dove dipinse anche trofei di guerra e trompe-l'œil. Si trasferì quindi a Pisa, occupandosi quasi esclusivamente di restauri.

Nel 1998 il comune di Reggio Emilia promosse una suggestiva mostra per rendere omaggio al pittore nella splendida cornice di Palazzo Magnani ottenendo grande successo di risonanza nazionale[2].

Curatele[modifica | modifica sorgente]

  • Cristoforo Munari in Francesca Baldassari (a cura di), Cristoforo Munari.Un maestro della natura morta, pittura, Federico Motta Editore, 1999. ISBN 88-7179-169-X

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ opere delle cosiddette cucine rustiche. URL consultato l'11 dicembre 2008.
  2. ^ REGGIO EMILIA rende omaggio ad un suo figlio illustre. URL consultato l'11 dicembre 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64864675