Cristoforo Gherardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cristoforo Gherardi, conosciuto anche come Cristofano Gherardi e detto Il Doceno (Sansepolcro, 1508Sansepolcro, 1556), è stato un pittore italiano.

Piastra commemorativa sulla casa natale a Sansepolcro

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu allievo di Raffaellino del Colle. Collaborò successivamente con Giorgio Vasari diventandone un prezioso aiuto ed amico. Sospettato di cospirazione contro i Medici di Firenze (1537), fuggì da Sansepolcro e si rifugiò nella vicina Valtiberina pontificia (San Giustino, Città di Castello)[1]. Lavorò principalmente in Toscana e Umbria, seguì poi il Vasari a Bologna, Roma, Venezia e, finalmente riabilitato (1554), Firenze (Palazzo Vecchio). Tra le sue opere principali si segnalano gli interventi nel castello Bufalini di San Giustino[2] e nei due palazzi Vitelli, alla Cannoniera e a San Giacomo, di Città di Castello.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Vasari, Vita di Cristofano Gherardi
  2. ^ Castello Bufalini. URL consultato il 06-12-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 10696507