Corydoras metae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Corydoras metae
Acuario.jpg
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Siluriformes
Famiglia Callichthyidae
Genere Corydoras
Specie C. metae
Nomenclatura binomiale
Corydoras metae
Eigenmann, 1914

Corydoras metae è un pesce tropicale d'acqua dolce, appartenente alla famiglia Callichthyidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Diffusa nel Rio Meta, in Colombia, da cui peraltro deriva il suo nome scientifico.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lunghezza: 5 cm.

Appartiene al sottogruppo dei Corydoras privi di maculature, con colorazione chiara e bande scure ben definite, di cui fanno parte: Corydoras melini, Corydoras panda e Corydoras davidsandsi.

Dimorfismo sessuale: nel maschio la pinna dorsale anteriore è più sviluppata ed appuntita rispetto a quella della femmina.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Vive in branchi composti da almeno una decina d'individui.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Simile a quella degli altri Corydoras. Le coppie si isolano dal resto del branco e, dopo essersi nutriti adeguatamente iniziano i giochi amorosi. I partner si collocano spesso in punti dove c'è un frequente ricambio dell'acqua e dove la temperatura è intorno ai 26 °C. Le uova (circa un centinaio) vengono raccolte dalla madre con le pinne ventrali, fecondate dal maschio che la insegue continuamente e successivamente fatte aderire a rocce o legni sommersi, oppure in buche scavate precedentemente dai genitori. Dopo la riproduzione i genitori si allontanano e gli avannotti si nutrono di ciò che costituisce la melma del corso d'acqua. Poiché i piccoli nascono già indipendenti, capita che gli adulti pratichino il cannibalismo con i nuovi nati.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Ha dieta onnivora. Si nutre di piccoli crostacei, larve, insetti ed altri invertebrati presenti fra la vegetazione e nel substrato, oltre che di detriti animali e vegetali. Occasionalmente anche di semi.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Si può allevare in acquario e riprodurre con successo in cattività.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Enciclopedia dei pesci tropicali d'acquario di Esther J. J. Verhoef-Verhallen, Edizioni White Star;
  • Corydoras da Il mio acquario, mensile, dicembre 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Fishbase [1];
  • Inseparabile [2].

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci