Cité des sciences et de l'industrie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 48°53′44″N 2°23′17″E / 48.895556°N 2.388056°E48.895556; 2.388056 La Cité des sciences et de l'industrie, in italiano Città delle scienze e dell'industria, è una grande struttura pubblica situata a Parigi, in Francia, specializzata nella diffusione della cultura scientifica e tecnica, finalizzata a suscitare nei cittadini l'interesse per le questioni legate alla scienza, alla ricerca e all'industria.

Creata su iniziativa del presidente francese Valéry Giscard d'Estaing, ha come obiettivo la diffusione, soprattutto ai bambini e agli adolescenti, delle conoscenze scientifiche e tecnologiche.

La città è situata nel Parc de la Villette, nel XIX arrondissement di Parigi, insieme alla Città della Musica e al Conservatorio nazionale superiore di musica e di danza di Parigi.

Metro-M.svg È servita dalla Linea 5 della Metropolitana di Parigi con fermata alla stazione Porte de Pantin e dalla Linea 7 alla stazione di Porte de la Villette.

È servita anche dalle linee Bus RATP PC2, PC3, 139, 150, 152, 249 e 75.

Dal 2009, la Cité des sciences è stata raggruppata con il Palais de la découverte in un EPIC (Établissement public à caractère industriel et commercial[1].

Aree[modifica | modifica wikitesto]

Motore Vulcain dell'Ariane 5 esposto in maniera permanente nel museo

La Città della scienza di Parigi - La Villette comprende le seguenti aree:

Explora[modifica | modifica wikitesto]

Raggruppa le principali esposizioni permanenti incentrate sui alcuni temi: le matematiche, l'immagine, i suoni, i giochi di luci, lo spazio, l'oceano, l'energia, l'automobile, le rocce e i vulcani, stelle e galassie ecc.

Mediateca[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca scientifica si estende su 3 piani. È divisa in tre macro-settori: grande pubblico, infanzia e storia delle scienze. Vi si possono visionare film, documentari, cartoni animati ecc. Al piano terra si trova la mediateca per l'infanzia e il cinema Les Shadoks. In questa mediateca ci sono tre spazi di servizi: la Città dei mestieri, la Città della salute e il Punto di incontro digitale.

Città dei bambini[modifica | modifica wikitesto]

Realizzata per accogliere i bambini tra 3 e 12 anni, la Città dei bambini è divisa in due aree: una per i più piccoli, da 3 a 5 anni, e l'altra per i più grandicelli tra 6 e 12 anni.

Auditorium[modifica | modifica wikitesto]

L'Auditorium è la sala di conferenza dei programmi del Collegio.

Cinema Louis Lumière[modifica | modifica wikitesto]

Planetarium[modifica | modifica wikitesto]

In quello che è uno tra i più grandi planetari del mondo, sono proiettate affascinanti animazioni riguardanti il mondo dell'astronomia.

Punto di incontro digitale[modifica | modifica wikitesto]

Questa area di 1200 metri quadrati è una grande Cyber-stazione. È composta da un'area di autoformazione che permette di accedere a un gran numero di tutorial, da una postazione per navigare su internet, da un Atelier di introduzione all'informatica, da uno Studio per incontrare dei professionisti del multimediale, una classe digitale per accogliere degli studenti e da una Agora per partecipare ad alcune iniziative, alcuni incontri e dibattiti sulla cultura digitale.

Città dei mestieri[modifica | modifica wikitesto]

Luogo di informazione sulle formazioni, i mestieri, la Città dei mestieri mette a disposizione dei consigli e un importante fonte di informazioni.

Città della salute[modifica | modifica wikitesto]

Situata all'entrata della mediateca per il grande pubblico, la Città della salute è uno spazio di informazione e di consigli su tutto ciò che concerne la salute.

Centro congressi[modifica | modifica wikitesto]

Aquarium[modifica | modifica wikitesto]

Sala Jean Bertin[modifica | modifica wikitesto]

Area Condorcet[modifica | modifica wikitesto]

Area pic-nic[modifica | modifica wikitesto]

Ufficio postale[modifica | modifica wikitesto]

Negozio di libri e gadget scientifici[modifica | modifica wikitesto]

Ristoranti[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto di riabilitazione del vecchio mattatoio parigino, con lo scopo di trasformarlo in museo della scienza e della tecnica ha inizio il 15 settembre 1980 a cura di Adrien Fainsilber. La Città della scienza di Parigi apre le porte il 13 marzo 1986, inaugurata da François Mitterrand in occasione dell'incontro tra la sonda astronomica Giotto e la cometa di Halley.

I presidenti del museo sono stati:

  • Maurice Lévy: 1985
  • Christian Marbach: 1987
  • Roger Lesgards: 1988
  • Pierre David: 1993
  • Gérard Théry: 1995
  • Michel Demazure: 1998
  • Jean-François Hébert: 2002
  • François d'Aubert: 26 luglio 2007 - 16 aprile 2009
  • Claudie Haigneré, già ministro della Ricerca scientifica e prima donna francese dello spazio: dal 16 aprile 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Decreto n° 2009-1491 del 3 dicembre 2009 sulla creazione dell'établissement public du palais de la Découverte et de la Cité des sciences et de l'industrie (da www.legifrance.gouv.fr)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]