Mediateca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Mediateca è un luogo dove vengono raccolte produzioni multimediali contenute in vari supporti: videocassette, CD, DVD, pellicole cinematografiche

La Mediateca di Santa Teresa[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito di una concezione in cui al testo multimediale viene attribuita una dignità pari al testo stampato, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha dotato la Biblioteca di Nazionale Braidense di una Mediateca che è una biblioteca multimediale interattiva. La Mediateca Santa Teresa nasce da un accordo di programma tra quattro enti promotori: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Lombardia, Provincia e Comune di Milano, che hanno contribuito alla realizzazione del progetto. Il progetto risale ai primi anni '90 e la struttura ha aperto al pubblico il 13 giugno 2003. La chiesa barocca di Santa Teresa in via della Moscova a Milano, da tempo in disuso, è oggi trasformata in luogo di informazione e formazione. La Mediateca riconosce l'utilità dell'informazione elettronica per esigenze informative ed educative ed offre ai propri utenti l'accesso a Internet ed alle fonti documentarie elettroniche, digitali e audiovisive come ulteriore strumento di informazione rispetto alle fonti tradizionali. L'utilizzo di queste fonti deve essere coerente con le funzioni e gli obiettivi fondamentali della Biblioteca Nazionale Braidense di cui è sezione: dunque, principalmente come fonte di informazione per finalità di ricerca, studio e documentazione. È centro di alfabetizzazione continua, con tutor e corsi che affiancano e integrano l'utilizzo di strumenti multimediali. La RAI ha aderito all'iniziativa mettendo a disposizione "RAITECHE", il Piccolo Teatro di Milano ha concesso un accesso privilegiato ai propri archivi: recensioni, rassegne stampa, musiche, video, bozzetti, manifesti.

La Mediateca 2000[modifica | modifica wikitesto]

Per iniziativa ministeriale già dal 1997 è partita Mediateca 2000 in forma di Consorzio di cooperative, per coordinare le iniziative indirizzate soprattutto al Mezzogiorno.

Le Mediateche regionali[modifica | modifica wikitesto]

Alto Adige[modifica | modifica wikitesto]

La Mediateca Multilingue di Merano è stata costituita nel 2002 ed è specializzata in materiale multimediale finalizzato all'apprendimento di lingue straniere.

Toscana[modifica | modifica wikitesto]

La Mediateca Regionale Toscana è nata nel 1983 come Fondazione della Regione Toscana al fine di promuovere e diffondere la cultura audiovisiva e cinematografica. Nel suo archivio sono contenuti circa 9500 film. Ha ora assunto un ruolo fondamentale per la diffusione dei linguaggi della comunicazione multimediale nell'ambito regionale. Dal gennaio 2006 al suo interno è stato creato anche il dipartimento Toscana Film Commission. Attualmente la Mediateca si occupa di tutte le politiche del cinema in Toscana: dai festival al sostegno alle sale d'essai. La sua sede principale è a Firenze, nell'antico monastero di Sant'Apollonia. Ha uffici anche a Siena, Pisa e Montecatini Terme. La Fondazione è presieduta da Ugo Di Tullio, esperto in comunicazione e docente di Economia dei Beni Culturali all'Università di Firenze.

Marche[modifica | modifica wikitesto]

La Mediateca delle Marche è costituita in forma di Associazione tra Regione Marche, Provincia di Ancona e Comune di Ancona. Opera dagli anni '80 anche con un'attività divulgativa, con una particolare attenzione ai nuovi media. Da dieci anni cura la pubblicazione della collana: "I Quaderni della Mediateca".

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

La Mediateca di Roma nasce come iniziativa delle Biblioteche comunali. A giudizio dei siti specializzati il Comune di Roma ha assunto un ruolo molto prudente nella diffusione della multimedialità, con frequenti momenti di sottolineatura dei pericoli del mondo web. Forse per effetto di questo clima il sito della Mediateca di Roma non è più aggiornato.

Puglia[modifica | modifica wikitesto]

A Bari è stata istituita dalla Regione Puglia e dall'Apulia Film Commission, nel 2013, la Mediateca Regionale Pugliese, che ha un catalogo di DVD, VHS, libri e riviste a tema cinematografico e fotografico, di libera consultazione e fruizione.

La provincia di Lecce ha istituito una mediateca presso la Biblioteca Provinciale, ma essa al momento (2014) non è attiva e non vi sono previsioni di una sua riattivazione.

Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

In Sicilia si segnala l'iniziativa della Mediateca del Comune di Caltagirone e di Leonforte.

Calabria[modifica | modifica wikitesto]

La Regione Calabria ha istituito le mediateche regionali presso i 12 distretti bibliotecari calabresi. Diverse altre mediateche sono state realizzate dal Piano d'Azione Mediateca2000, altre mediateche, comprese quelle dell'Università della Calabria della Biblioteca Nazionale di Cosenza e del comune di Cosenza sono state realizzate autonomamente. La Calabria oggi conta più di 30 mediateche sparse per l'intero territorio, all'interno del Sistema Bibliotecario regionale (SBR).

Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

La MEM, Mediateca del Mediterraneo, sorge al posto di un ex mercato nella città di Cagliari.

Emilia-Romagna[modifica | modifica wikitesto]

In Emilia-Romagna vi è nel comune d San Lazzaro di Savena in provincia di bologna una Mediateca.

A Bologna esiste la Sala Borsa, che ha un notevole patrimonio multimediale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]