Chiesa di San Nicola da Tolentino (Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°54′18.79″N 12°29′29.33″E / 41.90522°N 12.49148°E41.90522; 12.49148[1]

San Nicola da Tolentino
Esterno
Esterno
Stato Italia Italia
Regione Lazio
Località Roma
Religione Chiesa cattolica di rito armeno
Diocesi Roma
Stile architettonico barocco
Inizio costruzione 1599
Completamento 1670

La chiesa di San Nicola da Tolentino è una chiesa di Roma, nel rione Trevi, nella salita omonima.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa fu eretta dagli Agostiniani Scalzi nel 1599, ma fu subito riedificata nel 1654 a spese dei principi Pamphilj su disegni del Baratta, mentre la facciata fu realizzata da Francesco Buzio nel 1670.

L’altare maggiore, così come gli altri altari della chiesa, è opera di Alessandro Algardi ed è, secondo l’Armellini (op. cit. p. 271), “un capolavoro di stravaganze secentistiche”; sopra l’altare, in una nicchia, vi è un gruppo di statue raffiguranti la Visione di San Nicola da Tolentino con la Vergine, S. Agostino e S. Monica. La cappella Gavotti è opera di Pietro da Cortona, con statue di Antonio Raggi ed Ercole Ferrata. Nella prima cappella a sinistra è riprodotto il Santo Sepolcro di Gerusalemme.

La seconda cappella di destra ospita il monumento funebre del cardinale Aghagianian.

Nell’annesso convento, dopo gli Agostiniani scalzi, vi dimorarono le monache dette battistine; oggi vi risiede il Pontificio Collegio Armeno, nel cui rito è officiata la chiesa.

Addossata al collegio, sulla piazza a sinistra della chiesa, si erge un khachkar che commemora il genocidio del popolo armeno. Un'altra analoga stele, ma più antica, si trova nel chiostro interno del collegio.

Una targa marmorea è stata apposta nel 2006 dal Comune di Roma a ricordo delle vittime del Metz Yeghern.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Coordinate prese da OpenStreetMap.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]