Krikor Bedros XV Aghagianian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Krikor Bedros XV Aghagianian
cardinale di Santa Romana Chiesa
Card. Gregorio Pietro Agagianian.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Iustitia et Pax
Nato 18 settembre 1895 ad Akhaltsikhe
Ordinato presbitero 23 dicembre 1917
Consacrato vescovo 21 luglio 1935
Creato cardinale 18 febbraio 1946 da papa Pio XII
Deceduto 16 maggio 1971 a Roma
Tomba del patriarca Aghagianian nella chiesa di San Nicola da Tolentino (Roma)

Krikor Bedros XV Agagianian (in armeno orientale Գրիգոր Պետրոս Աղաճանեան - pronunciato Grigor Petros - noto anche con le traduzioni italiana Gregorio Pietro Agagianian e francese Grégoire-Pierre Agagianian) (Akhaltsikhe, 18 settembre 1895Roma, 16 maggio 1971) è stato un cardinale e patriarca cattolico armeno, patriarca di Cilicia degli Armeni della Chiesa armeno-cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Akhaltsikhe nella moderna Georgia fu ordinato prete della Chiesa cattolica armena il 23 dicembre 1917. Entrò in seguito nel 1921 alla facoltà di didattica del Pontificio Collegio Armeno, di cui divenne poi rettore dal 1932 al 1937. Fu nominato vescovo titolare di Comana di Armenia l'11 luglio 1935 ed eletto patriarca di Cilicia degli Armeni dal Sinodo armeno il 30 novembre 1937 con il nome di Krikor Bedros (Gregorio Pietro) XV.

Per tradizione tutti i patriarchi cattolici armeni aggiungono infatti il nome Bedros (Pietro) al proprio nome di battesimo, seguito dall'ordinale. Il 18 febbraio 1946 fu creato, da papa Pio XII, cardinale del titolo di San Bartolomeo all'Isola[1]. Ebbe la presidenza della Congregazione per la codificazione del diritto canonico delle Chiese orientali.

Nel conclave del 1958 rappresentò la grande alternativa al candidato poi eletto Angelo Roncalli, il quale - una volta divenuto papa Giovanni XXIII – confermerà personalmente l’altalena di voti in conclave fra il suo nome e quello di Aghagianian. Egli fu pertanto nei tempi moderni il primo e, a tutt'oggi, l'unico papabile proveniente da una Chiesa cattolica orientale. Durante il Concilio Vaticano II il nuovo papa lo nominò membro della commissione direttiva insieme ai cardinali Suenens, Döpfner e Lercaro.

Noto poliglotta e giurista, guidò dal 18 luglio 1960 al 19 ottobre 1970, quale prefetto, la Sacra Congregazione De Propaganda Fide, che assunse l'attuale denominazione di Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli il 15 agosto 1967, con la bolla Immortalis Dei di Paolo VI. Il 25 agosto 1962 rinunciò al patriarcato e si trasferì definitivamente a Roma. Il 22 ottobre 1970 fu promosso cardinale vescovo di Albano[1]. Morì il 16 maggio 1971 a Roma, dove riposa nella chiesa di San Nicola da Tolentino, adiacente al Pontificio Collegio Armeno.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Papa Paolo VI, con il motu proprio Ad purpuratorum Patrum Collegium, pubblicato l'11 febbraio 1965, stabilì che i Patriarchi di rito orientale assunti nel Sacro Collegio dei Cardinali non appartengono al clero di Roma e, pertanto, non può essere assegnato loro alcun titolo o diaconia. I Patriarchi cardinali appartengono all'ordine dei vescovi cardinali e, nella gerarchia, si situano immediatamente dopo di loro. Mantengono la loro sede patriarcale e non viene assegnata loro alcuna sede suburbicaria. Tuttavia il cardinale Aghagianian, che nel 1962 aveva rinunciato al patriarcato, non entrò a far parte dell'ordine dei vescovi fino alla promozione a cardinale vescovo di Albano nel 1970.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Patriarca di Cilicia degli Armeni Successore PatriarchNonCardinal PioM.svg
Avedis Bedros XIV Arpiarian 30 novembre 1937 - 25 agosto 1962 Iknadios Bedros XVI Batanian
Predecessore Cardinale presbitero di San Bartolomeo all'Isola Successore CardinalCoA PioM.svg
Carlo Salotti 18 febbraio 1946 - 22 ottobre 1970 Aníbal Muñoz Duque
Predecessore Prefetto della Congregazione de Propaganda Fide Successore Emblem Holy See.svg
Samuel Alphonsius Stritch
Pro-Prefetto
18 luglio 1960 - 15 agosto 1967
Pro-prefetto dal 18 giugno 1958 al 18 luglio 1960
-
Predecessore Prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli Successore Emblem Holy See.svg
- 15 agosto 1967 - 19 ottobre 1970 Agnelo Rossi
Predecessore Cardinale vescovo di Albano Successore CardinalCoA PioM.svg
Giuseppe Pizzardo 22 ottobre 1970 - 16 maggio 1971 Luigi Traglia

Controllo di autorità VIAF: 27058725