Cesare Vecellio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cesare Vecellio (Pieve di Cadore, 1521Venezia, 1601) è stato un pittore italiano.

Appartenente al casato dei Vecellio, figlio di Ettore cugino del noto Tiziano, imparò l'arte pittorica nella bottega tizianesca. Sue opere sono presenti a Belluno, città nella quale si trova il suo capolavoro ovvero il San Sebastiano del duomo come pure in altre chiese del Cadore. Nel palazzo della Magnifica Comunità di Cadore si trova la bellissima Dedizione del Cadore a Venezia. Altre opere si trovano a Vallesella, a Padola, a Tarzo a Zoppè, a Vigo di Cadore, ecc.

Opera sua è il soffitto a cassettoni interamente dipinto nella chiesa di Lentiai (BL).

Fece studi approfonditi sull'abbigliamento dell'epoca con le relative descrizioni e disegni. Pubblicò diverse opere, tra le quali un'importante opera storica: Degli habiti antichi e moderni (prima edizione: Venezia, presso Damian Zenaro, 1590), illustrata con numerose xilografie.

Alcune sue pitture, effettuate sui tagli e i piatti dei libri (Biblioteca Piloni) sono molto valutate nelle aste d'arte.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Fabbiani, Breve storia del Cadore, Banca del Friuli Udine, 1957

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17378621 LCCN: n85049158