Canto piano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il canto piano è una monodia che non deve obbedire ad alcun ritmo se non quello della parola cantata, per questo viene detto ritmo sillabico.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Canto gregoriano è un esempio di canto piano che prese il nome da Papa Gregorio I (VI secolo). Anche se frequentemente asserito, non è vero che Papa Gregorio I inventò questo tipo di canto o che ordinò di sopprimere ogni precedente stile di canto come ad esempio il canto ambrosiano. Per molti secoli diversi tipi di canto piano coesistettero e non si ebbe mai una standardizzazione del canto gregoriano fino al XII secolo. Il canto piano rappresenta la prima rinascita della notazione musicale dopo che fu perduta ogni traccia dell'antica notazione greca.

La notazione del canto piano differisce dalla notazione moderna dal fatto che, nelle forme più antiche si utilizzava una notazione in campo aperto detta adiastematica, poi con Guido d'Arezzo si iniziò ad usare il rigo musicale ma di sole quattro linee (tetragramma) con le note quadrate. Il segno grafico che indicava le note era detto neuma.

Una rinascita del canto piano si è avuta nel XIX secolo grazie agli studi filologici e musicologici volti a ricostruire le tecniche di canto e restaurare le antiche collezioni di canto piano specialmente da parte dei monaci dell'Abbazia di Solesmes nel nord della Francia. Il canto gregoriano, per quanto sia praticato prevalentemente nei monasteri, è tuttora il canto ufficiale della Chiesa Cattolica.

Alla fine degli anni ottanta il canto piano ebbe un notevole successo come musica per il relax e molte registrazioni sono state effettuate nei conventi di Francia e Spagna.

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica