Nota musicale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Note musicali)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Per nota musicale si intende il segno con cui si rappresentano i suoni usati nella musica.

Nel sistema di scrittura tradizionalmente impiegato per la musica colta europea degli ultimi quattro secoli, le note scritte sono cerchietti vuoti o pieni, dotati o meno di diversi tipi di altri segni specifici, che trovano posto sul pentagramma.

Nomi delle note[modifica | modifica wikitesto]

Le note corrispondenti a suoni che hanno frequenza pari a una potenza intera (positiva o negativa) di due rispetto alle altre sono simili: l'intervallo determinato da queste note è detto ottava. Di conseguenza sono comunemente chiamate con lo stesso nome. Pertanto, per identificare una nota in modo univoco si deve indicare anche l'ottava di appartenenza.

Le note musicali della scala diatonica sono sette:

do · re · mi · fa · sol · la · si

Se consideriamo la scala cromatica, ci sono altri suoni che si ottengono abbassando o alzando di un semitono le 7 note diatoniche mediante bemolle (♭) e diesis (♯).

Nome prima   seconda   terza quarta   quinta   sesta   settima
Naturali do   re   mi fa   sol   la   si
Diesis   do♯   re♯     fa♯   sol♯   la♯  
Bemolle   re♭   mi♭     sol♭   la♭   si♭  
Varianti ut   -   - -   so   -   ti
Anglosassoni C   D   E F   G   A   B
Diesis (testo)   Cis   Dis     Fis   Gis   Ais  
Bemolle (testo)   Des   Es     Ges   As   Bes  
Tedesche C   D   E F   G   A B H

Gli antichi non conoscevano una notazione musicale propriamente detta, limitandosi a indicare i suoni della scala diatonica con le prime lettere dell'alfabeto.

Nel Medioevo, a causa della crescente difficoltà nel memorizzare melodie sempre più lunghe ed articolate, nacque l'esigenza di "notare" sopra il testo da cantare alcuni segni (detti neumi) che aiutassero i cantori a ricordare la direzione (ascendente o discendente) della linea melodica. Da questi embrionali aiuti mnemonici nacque a poco a poco la moderna notazione, le cui tappe storiche fondamentali sono l'introduzione del tetragramma (attribuita a Guido d'Arezzo durante la sua permanenza presso l'Abbazia di Pomposa), e la scrittura delle durate, (inventata da Francone da Colonia) ottenuta proporzionalmente, cioè non indicando la durata effettiva della nota, ma la durata di essa in proporzione alle altre dello stesso brano. Oggi le note hanno l'aspetto di un cerchietto vuoto o pieno, su cui si innesta un gambo (piccola asticella segnata sotto o sopra la nota) e le eventuali code, utilizzate per segnare i valori più piccoli (cioè le durate più brevi).

Gli attuali nomi delle note in uso nei paesi latini risalgono all'XI secolo e la definizione del loro criterio e del loro nome è attribuita a Guido d'Arezzo; corrispondono alle sillabe iniziali dei primi sei versetti dell'inno Ut queant laxis:

(LA)

« Ut queant laxis
Resonare fibris
Mira gestorum
Famuli tuorum
Solve polluti
Labii reatum,
Sancte Iohannes
 »

(IT)

« Affinché i tuoi servi possano cantare con voci libere le meraviglie delle tue azioni, cancella il peccato, o santo Giovanni, dalle loro labbra indegne »

Nel XVI secolo la settima nota riceve il suo nome definitivo (si, dalle iniziali di Sancte Iohannes) e nel XVII secolo in Italia la nota ut viene sostituita con il nome attuale do, da una proposta del musicologo Giovanni Battista Doni: formalmente la sillaba venne considerata difficile da pronunciare e sostituita da quella iniziale di Dominus, il Signore.

Suoni omofoni[modifica | modifica wikitesto]

I suoni omofoni (o omologhi) sono note che si possono definire con nomi diversi utilizzando le varie alterazioni. Ogni suono, ad eccezione del sol♯ poiché si trova al centro del Tritono (fa e si), può esser chiamato e notato in tre modi. Ecco l'elenco di suoni omofoni:

Omofono Omofono Nota principale Omofono Omofono
--- si♯ do --- re♭♭
si x --- do♯ re♭ ---
do x --- re --- mi♭♭
--- --- re♯ mi♭ fa♭♭
re x --- mi fa♭ ---
--- mi♯ fa --- sol♭♭
mi x --- fa♯ sol♭ ---
fa x --- sol --- la♭♭
--- --- sol♯ la♭ ---
sol x --- la --- si♭♭
--- --- la♯ si♭ do♭♭
la x --- si do♭ ---

Notazioni alternative[modifica | modifica wikitesto]

La notazione letterale[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente si usava una notazione di origine greca che utilizzava le lettere dell'alfabeto. Tale notazione è ancora in uso nei paesi di lingua inglese:

A = la · B = si · C = do · D = re · E = mi · F = fa · G = sol

La notazione letterale è tuttora in uso anche nei paesi di lingua germanica e di area mitteleuropea (p. es. in Repubblica Ceca); nei paesi di lingua tedesca la lettera B indica solo il si bemoll, mentre H viene usata per il si naturale[1].

Le note sul pentagramma[modifica | modifica wikitesto]

Scala di Do in chiave di violino con i nomi delle note.png

Ecco come appaiono le note musicali sul pentagramma, nella scala diatonica di do in chiave di violino, scritte come semiminime. Le note possono indicare anche la durata (vedasi Durata di una nota musicale).

Le note scritte sul pentagramma sono formate da gambo, testa ed eventuali code o codette.

Le parti di una nota:
1. La codetta
2. La plica (il gambo)
3. La testa.

La codetta di una nota, in semiografia musicale, sono tratti curvilinei o rettilinei (quando sono unite tra loro) che, appoggiate obliquamente al gambo verticale di una o più note, indicano i valori che vanno da 1/8 (un tratto per la croma) a 1/128 (cinque tratti per la fusa).

Il gambo o la plica è la barra verticale della testa emerge dalle note. Si tratta di un gruppo di note musicali, che contiene la minima (1/2 di semibreve), la semiminima (1/4), la croma (1/8), la semicroma (1/16), la biscroma (1/32) e la semibiscroma (1/64) e la fusa (1/128).

La testa è la parte ellittica di una nota. Le teste delle note possono essere colorate in bianco o nero, per indicare il valore di nota (cioè, durata ritmica). In una semibreve, la testa è l'unico componente della nota. Note di più breve valore allegare uno stelo alla testa della nota, e forse tratti d'unione o codette.

Una nota senza gambo con la testa vuota indica una durata intera (4/4) ed è chiamata semibreve.

Una nota con il gambo e la testa vuota indica una durata metà (2/4) ed è chiamata minima.

Una nota con il gambo e la testa piena indica una durata di un quarto (1/4) ed è chiamata semiminima.

Una nota con il gambo, la testa piena e un numero di code compreso tra 1 e 4 indica una durata di rispettivamente 1/8, 1/16, 1/32 e 1/64 ed è chiamata rispettivamente croma, semicroma, biscroma e semibiscroma.

Un punto posto di fianco a una nota indica un aumento della durata pari a metà (es. minima col punto = 3/4).

Frequenza delle note[modifica | modifica wikitesto]

Frequenza rispetto alla posizione sul pentagramma. Ogni nota ha una frequenza \sqrt[12]{2} volte maggiore della precedente.

In linea di principio, la musica può essere composta da note di frequenza arbitraria. Per ragioni storiche e psicoacustiche, si è consolidato l'uso di dodici note (semitoni) per ottava, specialmente nella musica occidentale (per un'esposizione di tali ragioni vedi la voce temperamento). Queste note a frequenza fissa sono in relazione matematica fra loro e sono calcolate a partire da una nota fondamentale la cui frequenza è stabilita per convenzione. Recentemente si è stabilito che il la4 (A4), rappresentato in chiave di violino nel secondo spazio del pentagramma, corrisponda a una frequenza acustica di 440 Hz.

Ogni nota è separata dal la4 da un numero intero di semitoni. E ogni 12 semitoni, quindi ogni ottava, si ha raddoppio di frequenza. Si tratta dunque di una progressione geometrica di ragione 2^{1/12}, quindi la frequenza di una nota che dista n semitoni dalla fondamentale è data dalla formula:

\mathrm{frequenza} = 440 \times 2^{n/12} \ \mathrm{Hz}

Per esempio, troviamo la frequenza del do5 immediatamente sopra il la4 (do5). Per ottenere il do5 si devono aggiungere tre semitoni:

  • la → la♯ → si → do
f = 440 \times 2^{3/12} \approx 523{,}25 \ \mathrm{Hz}

Il segno algebrico di n è importante; per esempio, il fa immediatamente sotto il la4 è il fa4. Si devono quindi sottrarre 4 semitoni:

  • la → la♭ (sol♯) → sol → sol♭ (fa♯) → fa

Quindi:

f = 440 \times 2^{-4/12} \approx 349{,}23 \ \mbox{Hz}

Insomma ogni dodici semitoni si ha una frequenza doppia, l'intervallo di un'ottava.

Come si vede l'esponente della potenza è espresso in dodicesimi (112, 212, …). Risultati notevoli a partire da la4 sono:

la4 (440 Hz) × 2012 restano 440 Hz

la5 (440 Hz) × 21212 = 880 Hz (il doppio di 440 Hz)

la6 (440 Hz) × 22412 = 1760 Hz (il doppio di 880, il quadruplo di 440)

la7 (440 Hz) × 23612 = 3520 Hz (il doppio di 1760, otto volte 440)

la3 (440 Hz) × 21212 = 220 Hz (la metà di 440)

La formula frequenza = 440 × 2n/12 Hz segue dalle seguenti considerazioni:

  • una nota ha frequenza doppia rispetto alla omonima dell'ottava immediatamente inferiore

per esempio: La4 ha una frequenza di 440 Hz, La5 di 880 Hz, cioè doppia di La4, in formula: freq La5 = freq La4 × 2 (1)

  • le frequenze di coppie di semitoni adiacenti formano un rapporto, che chiameremo "c";

per esempio: freq La♯4 / freq La4 è uguale a freq Si4 / freq La♯4 = c;

  • conoscendo la frequenza di una nota e il valore di "c" è possibile conoscere la frequenza di qualunque altra nota;

per esempio: freq La♯4 = freq La4 × c;

freq Si4 = freq La4 × c × c cioè freq La4 × c²

e poiché tra La4 e La5 vi sono 12 semitoni: freq La5 = freq La4 × c × c × c × c × c × c × c × c × c × c × c × c cioè: freq La5 = freq La4 × c12 (2)

dalla (1) e dalla (2) consegue che c12 = 2 e che c = radice dodicesima di 2

e con formula Excel c = 2^(1/12) = 1,0594630943593

quindi, per esempio:

  La♯4 = 440 Hz × c = 440 Hz × 1,0594630943593 = 466,16 Hz
  Si4 = 440 Hz × c × c = 440 Hz × 1,0594630943593 × 1,0594630943593 = 493,88 Hz

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In origine si usava solo la lettera B (minuscola: b). La differenziazione è stata causata dal sistema esacordale: nell'esacordo molle (cioè quello col si bemolle) il b era scritto con l'occhiello rotondo, mentre per l'esacordo duro (quello col si naturale) si scriveva con l'occhiello quadrato. Col tempo, il b quadrato perse il tratto orizzontale alla base e fu confuso con la lettera h, a causa della grande somiglianza dei due simboli.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note musicali
Musical note nicu bucule 01.svg Do | Re | Mi | Fa | Sol | La | Si | (Ut) Musical note nicu bucule 01.svg

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica