Briccola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bricole regolarmente distanziate segnalano ai natanti la corsia di accesso agli attracchi di Chioggia, principale centro peschereccio della laguna veneta

La briccola[1][2] (in veneziano bricoła) o anche bricola è una struttura formata da due o più grossi pali di legno legati tra di loro e posti in acqua, utilizzata per indicare le vie d'acqua (canali) nelle lagune di Venezia, Marano e Grado. La medesima struttura nella nomenclatura marinara internazionale viene chiamata anche duc d'albe o dalben o dolphin.

In ambito portuale le briccole, nel senso di colonna di alaggio o ceppata, possono essere in acciaio e calcestruzzo e vengono denominate "mooring dolphins" se dotate di ganci di ormeggio, briccole di ormeggio, oppure "breasting" o "berthing dolphins" se dotate di "fender" per l'accosto delle navi, briccole di accosto.

In ambito lagunare la briccola differisce dalla palina nella forma (ha più pali mentre la pałina è a un solo palo) e nella funzione (è principalmente un indicatore della via mentre la pałina si usa per l'attracco delle imbarcazioni). Il suo scopo è segnalare alle imbarcazioni il limite della parte più profonda della laguna, navigabile senza rischi, guidandole nel loro percorso ed evitando che rimangano arenate in zone di acque basse.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. il lemma "briccola" sul dizionario Hoepli.
  2. ^ Cfr. il lemma "briccola" sul dizionario Treccani.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Venezia Portale Venezia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia