Beretta M9

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Beretta 92.

Beretta M9
M9-pistolet.jpg
Tipo pistola semi-automatica
Origine Italia Italia
Impiego
Utilizzatori Flag of the United States.svg forze armate degli Stati Uniti
Conflitti Operazioni antiguerriglia nelle Filippine, Guerra in Iraq, Invasione statunitense dell'Afghanistan
Produzione
Progettista Carlo Beretta, Giuseppe Mazzetti e Vittorio Valle
Date di produzione 1975-presente
Descrizione
Peso 950 g scarica (920)
Lunghezza 217 mm
Lunghezza canna 125 mm
Calibro 9mm Parabellum NATO
Tipo munizioni 9x19mm
Azionamento singola/doppia
Velocità alla volata 365 m/s
Tiro utile utile 50m
Alimentazione 15 colpi
Organi di mira mirino e mira posteriore sul carrello-otturatore, fisse o amovibili.

FAS.org

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La Beretta M9 è una pistola semiautomatica, di calibro 9 x 19 mm Parabellum, in dotazione alle forze armate degli Stati Uniti dal 1985. È una versione modificata della Beretta 92, conforme alle specifiche militari redatte per la fornitura al Departement of Defence statunitense.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Negli anni ottanta vinse un concorso per sostituire la Colt M1911A1 come principale pistola in dotazione alle forze armate statunitensi, battendo molti altri contendenti. L'arma venne adottata dall'esercito nel 1985, ma entrò ufficialmente in servizio solo nel 1990.[1] Infatti la M9 sopravvisse a diversi test, ad un'esposizione di temperature variabili tra i -40 C° e i +60 C°, inzuppata di acqua salata, lanciata ripetutamente sul cemento, seppellita sotto la sabbia, nel fango e nella neve.
Conseguì inoltre un particolare esame chiamato MRBF, (mean rounds before failure), cioè: dopo quanti colpi efficaci si è avuto un colpo fallito, superandolo con un risultato sorprendente: 1 a 35000. Quest'ultimo dato corrisponde mediamente a cinque volte gli spari possibili nella vita di una pistola.
Nell'ambito di un progetto dell'esercito, la M9 fu poi sostituita nel Future Handgun System (FHS), che si fuse con il programma SOF Combat Pistol al fine di creare la Joint Combat Pistol (JCP).

Nei primi mesi del 2006, la JCP fu ribattezzata Combat Pistol (CP), ed il numero di pistole da acquistare fu drasticamente ridotto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ U.S. Army Fact Files

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]