Automedonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Automedonte con Xanto e Balio, i cavalli di Achille, olio su tela di Henri Alexandre Georges Regnault, 1868, Boston, Museum of Fine Arts.

Automedonte, figlio di Dioreo (Iliade, XVII), era l'Auriga (cocchiere) di Achille durante la guerra di Troia: dopo la morte dell'eroe passò al servizio di suo figlio Neottolemo. Si occupava dei cavalli immortali Balio e Xanto. Il suo nome è diventato sinonimo di cocchiere o vetturino.

Automedonte viene citato soprattutto nel brano de "I cavalli di Achille" quando Zeus si rivolge ai cavalli che erano fermi come una stele funeraria.

Egli compare anche nel secondo libro dell'Eneide, dove è citato tra i guerrieri achei che si nascosero nel cavallo di Troia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca