August von Wassermann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
August von Wassermann

August von Wassermann (Bamberga, 21 febbraio 1866Berlino, 16 marzo 1925) è stato un medico e microbiologo tedesco. Nel 1906 scoprì il metodo biologico per la diagnosi della sifilide, poi divenuto di uso universale e detto reazione di Wassermann[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Wassermann dedicò tutta la sua carriera allo studio della microbiologia, della sierologia e dell'immunologia. Fu uno dei primi a confermare l'efficacia del siero antitetanico e di quello antidifterico di Emil von Behring e Shibasaburo Kitasato e ad iniettare un siero contro il meningococco in malati di meningite cerebro-spinale.

La reazione di Wassermann[modifica | modifica sorgente]

Il metodo eponimo di diagnosi della sifilide si basa sulla ricerca, nel siero sanguigno, di anticorpi specifici ossia di sostanze difensive che denunciano la presenza del Treponema pallidum, il microrganismo che provoca la sifilide o lue. La reazione di Wassermann è stata via via modificata e perfezionata per renderla sempre più sensibile, così che oggi essa svela precocemente l'infezione luetica già circa una settimana dopo l'apparizione della lesione primaria, detta sifiloma.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Ole Daniel Enersen, August von Wassermann in Who Named It?.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 47532498 LCCN: no/2008/84320