Associazione rivoluzionaria delle donne dell'Afghanistan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Logo del Revolutionary Association of the Women of Afghanistan (RAWA)

L' associazione rivoluzionaria delle donne dell'Afghanistan (Revolutionary Association of the Women of Afghanistan), (persiano: جمعیت انقلابی زنان افغانستان Jamiyat-e Enqelābi-ye Zanān-e Afghānestān, pashtu:د افغانستان د ښڅو انقلابی جمعیت) è un'organizzazione socio-politica indipendente femminile che si trova a Quetta, stato del Pakistan. I suoi obiettivi sono la tutela dei diritti delle donne, e della democrazia. Si tratta della più antica organizzazione di tale genere.[1]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Protesta del gruppo a Peshawar, 28 aprile 1998

Fondata nell'anno 1977 da Meena Keshwar Kamal, con l'intento di aiutare le donne dell'Afghanistan,[2] in seguito al colpo di stato organizzato dall'unione sovietica nell'aprile del 1978 in Afghanistan e alla successiva occupazione, organizzazrono dal 1992 una forma attiva di resistenza che obbligarono successivamente il trasferimento dell'organizzazione nello stato del Pakistan.[3] La fondatrice venne poi uccisa dal KGB[4]

Organizzò delle scuole per bambini e corsi di alfabetizzazione. Contano migliaia di iscritti e rapporti con altri paesi soprattutto Sudan e Iran. Pubblica dal 1981 una rivista bilingue (persiano/pashtu) intitolata Payam-e-Zan (in italiano Messaggio delle donne).[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nafeez M. Ahmed, Guerra alla libertà. Il ruolo dell'amministrazione Bush nell'attacco dell'11 settembre, pag 224, Fazi Editore, 2002. ISBN 9788881123643.
  2. ^ Daniela Gioseffi, Women on war: an international anthology of women's writings from antiquity to the present, seconda edizione, pag 283, Feminist Press, 2003. ISBN 9781558614093.
  3. ^ A. Vanzan, Le dita nella terra, le dita nell'inchiostro. Voci di donne in Afghanistan, India, Iran, Pakistan, pag 31, Giunti Editore, 2002. ISBN 9788809025363.
  4. ^ (EN) Articolo dal Guardian
  5. ^ (EN) Storia dal sito ufficiale

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]