Aselle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aselle
città
Localizzazione
Stato Etiopia Etiopia
Regione Oromia
Zona Arsi
Territorio
Coordinate 7°57′00″N 39°07′00″E / 7.95°N 39.116667°E7.95; 39.116667 (Aselle)Coordinate: 7°57′00″N 39°07′00″E / 7.95°N 39.116667°E7.95; 39.116667 (Aselle)
Altitudine 2430 m s.l.m.
Abitanti 84 645 (2005)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Etiopia
Aselle

Aselle è una città ubicata nell'Etiopia centrale. Dista 175 km dalla capitale Addis Abeba ed è servita da un aeroporto (codice IATA: ALK). Aselle fu la capitale della Provincia di Aselle fino alla riforma della Costituzione nel 1995 quando fu creata la nuova Zona di Oromia. Tuttavia, detiene ancora alcuni poteri amministrativi nell'ambito della Zona di Arsi.

Stando ai dati dell'Agenzia Centrale per la Statistica dell'Etiopia, nel 2005, la città aveva una popolazione di 84.645 abitanti di cui 40.552 maschi e 44.093 femmine.[1] Mentre, nel censimento del 1994, la città contava solo 47.391 abitanti, di cui 21.993 maschi e 25.398 femmine. Questa è la più grande, delle tre città, presenti nella woreda di Tiyo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il territorio attorno alla città di Aselle fu occupato, nel 1882, da truppe Scioane, nell'ambito della sanguinosa guerra di conquista contro gli aborigeni appartenenti all'etnia degli Arsi Oromo.

La città ebbe grande crescita nel periodo antecedente alla seconda guerra italo-etiopica. Gli italiani provarono a fare diventare Aselle la capitale della provincia, ma riuscirono a edificare solo un edificio a due piani e qualche magazzino di materiale edile. La Sesta Brigata e due compagnie della Quinta Brigata delle King's African Rifles riuscirono a conquistare Aselle, il 10 aprile 1941, dopo aver scacciato il generale Carlo De Simone a sud di Diredaua e aver forzato la loro strada attraverso il fiume Awash e un trinceramento di truppe fasciste. Più tardi, in questa città, fu stabilito il quartier generale della medesima Brigata.[2]

Nel 1946, una Missione religiosa svedese gettò le fondamenta, ad Aselle, per la costruzione di una scuola e un nuovo ospedale, il quale fu poi chiuso nel 1966 quando ne fu costruito uno nuovo di proprietà del governo etiope. Sulla città di Aselle, nel 1953, si abbatté una epidemia di dissenteria e una invasione di locuste nel 1961. Nel 1957, la città di Aselle era il punto più a sud della rete telefonica nazionale Etiope; inoltre, sempre nello stesso anno, in città fu inaugurata una succursale della Ethiopian Electric Light and Power Authority.[2] Aselle è la città natale di numerosi maratoneti e corridori etiopi come Haile Gebrselassie, Kenenisa Bekele, Tirunesh Dibaba e Derartu Tulu.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CSA 2005 National Statistics, Table B.3
  2. ^ a b (PDF) "Local History in Ethiopia" The Nordic Africa Institute website URL consultato il 7 dicembre 2007.
Africa Portale Africa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa