Apodidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Apodidi
Apus apus 01.jpg
Apus apus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Ordine Apodiformes
Famiglia Apodidae
Hartert, 1897
Sottofamiglie

Gli Apodidi (Apodidae Hartert, 1897) sono una famiglia di uccelli appartenente all'ordine degli Apodiformi.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Hanno cranio appiattito, becco breve e curvo, bocca molto larga, tarsi e piedi molto brevi, ma robusti. Le dita sono spesso tutte rivolte in avanti. Dispiegano volo estremamente rapido. I più noti rappresentanti della famiglia sono i Rondoni, che non vanno confusi con le Rondini (Passeriformi). Rondoni e rondini presentano solo somiglianze nella forma esterna e nel genere di vita, ma anatomicamente e per tutta una complessa serie di caratteri sono molto diversi e non hanno alcuna parentela diretta. I rondoni si possono agevolmente distinguere dalle rondini per le ali più strette, allungate e vistosamente falcate, nonché la coda, in proporzione più corta.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La famiglia Apodidae è suddivisa in 2 sottofamiglie, comprendenti i seguenti generi:[1][2]

Specie presenti in Italia[modifica | modifica sorgente]

Le specie più note della fauna italiana sono il rondone comune (Apus apus), o rondone propriamente detto, il rondone alpino (Tachymarptis melba) e il rondone pallido (Apus pallidus).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Apodidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'8 maggio 2014.
  2. ^ Apodidae in World Bird Taxonomic List. URL consultato il 16 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli