Antire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un antire (in tedesco: Gegenkönig) è un presunto re che, a causa di dispute successorie o opposizioni politiche, si autodichiara re in contrasto con un monarca regnante.

Gli antire sono più frequenti in seno a monarchie elettive piuttosto che in quelle ereditarie come quelle di Francia o Inghilterra; personaggi di questo tipo nelle monarchie ereditarie sono più spesso definiti come pretendenti. Gli antire sono un fenomeno che si riferisce principalmente alla politica del Sacro Romano Impero Germanico a partire dal XV secolo. Il termine è paragonabile a quello di antipapa, un rivale del papa, ed infatti i due fenomeni sono correlati: così come re ed imperatori tedeschi proclamarono degli antipapi per indebolire politicamente il Papato con il quale erano in contrasto, allo stesso modo alcuni papi supportarono antire come rivali degli imperatori con i quali dissentivano.

Numerosi antire si succedettero nel vendicare le proprie pretese al potere e vennero riconosciuti come legittimi monarchi, come ad esempio gli imperatori Corrado III, Federico II e Carlo IV. Lo status di taluni altri come antire è tuttora disputato, tra i quali Enrico II, duca di Baviera, ed Egberto II, margravio di Meissen.

Altre nazioni che produssero degli antire furono la Boemia e l'Ungheria.

Importanti antire tedeschi[modifica | modifica wikitesto]

Nome Date In opposizione a
Arnolfo, duca di Baviera 919-921 Enrico l'Uccellatore
Rodolfo di Rheinfelden 1077-1080 Enrico IV di Franconia
Ermanno di Salm 1081-1088
Corrado III di Svevia 1127-1135 Lotario II di Supplimburgo
Federico II di Svevia 1212-1215 Ottone IV di Brunswick
Enrico Raspe 1246-1247 Federico II di Svevia
Guglielmo II d'Olanda 1248-1250
1250-1254 Corrado IV di Svevia
Alfonso X di Castiglia 1257-1273 Riccardo, 1º conte di Cornovaglia
Federico I d'Asburgo 1314-1325 Luigi IV del Sacro Romano Impero
Carlo IV di Lussemburgo 1346-1347
Günther di Schwarzburg 1349 Carlo IV di Lussemburgo
Federico di Brunswick-Lüneburg 1400 Venceslao di Lussemburgo