Anodonthyla rouxae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Anodonthyla rouxae
Anodonthyla rouxae.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Anura
Famiglia Microhylidae
Sottofamiglia Cophylinae
Genere Anodonthyla
Specie A. rouxae
Nomenclatura binomiale
Anodonthyla rouxae
Guibé, 1974

Anodonthyla rouxae Guibé, 1974 è una rana della famiglia Microhylidae, endemica del Madagascar.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È la più grande di tutte le specie di Anodonthyla, potendo raggiungere una lunghezza di 24–28 mm.
La pelle è liscia, di colore bruno con macchie più scure e più chiare molto variabili sul dorso, biancastro sul ventre. Nei maschi è presente una striscia nera in corrispondenza della gola.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie ha un areale ristretto alla parte meridionale della catena dei monti Anosy, nel Madagascar sud-orientale.

Il suo habitat è rappresentato dalle foreste di bamboo di alta montagna, ad una altitudine di 1.900 m s.l.m.[1]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si riproduce nei fitotelmi del bamboo e degli alberi di Pandanus.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Ronald Nussbaum, Christopher Raxworthy 2008, Anodonthyla rouxae in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ Guibé J.M, Batraciens nouveaux de Madagascar in Bulletin du Muséum National d'Histoire Naturelle 1974; 171: 1169–1192.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Glaw F. and Vences M., Amphibians and Reptiles of Madagascar 3rd edition, Köln, M. Vences and F. Glaw Verlags GbR., 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Frost D.R. et al., Anodonthyla rouxae Guibé, 1974 in Amphibian Species of the World: an Online Reference. Version 6.0, New York, American Museum of Natural History, 2014. URL consultato il 5 ottobre 2014.