Anni mancanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli anni mancanti nel Calendario ebraico sono una discrepanza di circa 165 anni fra la tradizionale datazione rabbinica per la distruzione del Primo Tempio e la datazione moderna (586 a.C.), che è confermata da un gran numero di fonti greche, persiane e babilonesi.
Come conseguenza della datazione rabbinica l'intervallo fra la prima e la seconda distruzione del tempio di Gerusalemme è esattamente di 490 anni come il periodo di settanta settimane di anni, profetizzato dal profeta Daniele (Dn 9,24-27). Il Seder Olam Rabbah, una cronologia rabbinica del secondo secolo, interpreta la profezia di Daniele proprio come intervallo fra le due distruzioni. I motivi, per cui la cronologia ebraica è stata modificata dal giudaismo rabbinico, risultano tuttora poco chiari e soggetti a interpretazioni molto diverse.

I regni persiani mancanti[modifica | modifica sorgente]

Secondo gli storici moderni Israele fu soggetto a dieci re persiani, per un totale di 208 anni. Le fonti rabbiniche invece citano solo quattro re per un totale di 52 anni, la differenza di 166 anni è la causa degli anni mancanti.

I documenti ebraici utilizzarono per secoli ufficialmente la datazione secondo l'Era seleucide, chiamata Minyan Shtarot (=conto dei contratti). Essa partiva dal 311-312 a.C., cioè dall'anno 3449 Anno Mundi. Secondo Moshe Lerman, la cronologia a partire dalla creazione fu stabilita circa in questo periodo [1]. Anche il resoconto storico del Seder Olam Rabbah risulta completo solo sino al trentacinquesimo secolo. Questo momento è quindi una discontinuità nella cronologia ebraica, che solo dopo di allora venne registrata in modo sistematico.

Gli anni mancanti e la tradizione ebraica[modifica | modifica sorgente]

R. Azaria de' Rossi, in Me'or Einayim (c. 1573), fu probabilmente il primo autorevole studioso ebreo a riconoscere che la tradizionale datazione rabbinica è poco verosimile.

Diversi autori hanno segnalato indizi di antiche correzioni nella Mishnah[2] e nel Talmud. In particolare certi calcoli cronologici del Talmud sembrano in miglior accordo con la cronologia moderna che con quella tradizionale( si veda: Y2K solution to the Chronology Problem).

Molti studiosi ebrei hanno cercato di contestare la datazione degli storici moderni, ma le loro argomentazioni non sono risultate abbastanza convincenti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ e precisamente nel 3421, un ciclo solare di 28 anni prima. Si veda Judaism: Why Do We Live in the Year 5765?
  2. ^ Per esempio R. David Zvi Hoffman (1843–1921) osserva che in Avot 1:4 si fa riferimento alla tradizione di saggi antichi (plurale), benché prima se ne citi solo uno. Sembrerebbe, quindi, che sia stata rimossa una parte del testo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sheldon Epstein, Bernard Dickman e Yonah Wilamowsky, A Y2K solution to the Chronology Problem, Hakirah Vol. 3. - Interpreta gli anni mancanti alla luce del Talmud
  • Mitchell First, Jewish History in Conflict: A Study of the Major Discrepancy between Rabbinic and Conventional Chronology (Jason Aronson, 1997)
  • Edgar Frank, Talmudic and Rabbinic Chronology (New York: Feldheim 1956)
  • E.J. Bickerman. Chronology of the Ancient World, (Cornell University Press, 1968, 1982)
  • Robert R. Newton, The Crime of Claudius Ptolemy. (The Johns Hopkins University Press, Baltimore and London, 1977)
  • S. Levine, Daniel 9 in You Take Jesus and I'll Take God, revised edition, Hamoroh Press, Los Angeles, 1980 - spiega l'interpretazione ebraica di Daniel 9:24-27
  • Martin Anstey, The Romance of Biblical Chronology, (London: Marshall Brothers, 1913) - Interpreta Daniele come profezia della crocifissione di Gesù e colloca la distruzione del Tempio nel 502 a.C.
  • R' Shimon Schwab in “Comparative Jewish Chronology in Jubilee Volume for Rav Yosef Breuer” pp. 177–197.
  • David Zvi Hoffman "Ha'mishna Rishona" (Heb.)
  • Brad Aaronson, Fixing the History Books, Dr. Chaim S. Heifetz's Revision of Persian History - Jewish scholarly critique of secular dating
  • Fixing the Mind by Alexander Eterman - a rebuttal of Heifetz's critique.
  • Secular Chronology by Walter R. Dolen - Christian scholarly critique of secular dating
  • Jewish Dating System - difesa delle datazioni storiche moderne
  • Significant Events In Jewish And World History - timeline based on traditional Jewish sources