Andinoacara pulcher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Acara blu
Aequidens pulcher.jpg
Andinoacara pulcher
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Cichlidae
Genere Andinoacara
Specie A. pulcher
Nomenclatura binomiale
Andinoacara pulcher
(Gill, 1858)

Andinoacara pulcher, conosciuto comunemente come Acara blu è un pesce tropicale d'acqua dolce, appartenente alla famiglia Cichlidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'Andinoacara Pulcher è un ciclide che si trova in Centro America: Colombia, Panama, Tobago, Trinidad, e Venezuela, soprattutto al nord. Abita soprattutto nei fiumi e nei laghi delle regioni settentrionali in acque ferme o lente. Vive in acque da tenere a leggermente dure con pH 6,8-7,5 e con temperatura di 23,5-27 °C.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lunghezza: 20 cm.

Ha una colorazione molto sgargiante. I giovani di acara blu mostrano un bellissimo motivo iridescente. Gli adulti di acara blu presentano una testa molto larga, che dona loro un'espressione tipica. Spesso confuso con Aequidens latifrons.

Dimorfismo sessuale: rispetto alla femmina, il maschio raggiunge dimensioni maggiori e ha pinne più ampie e allungate, con le estremità appuntite; la femmina ha le estremità delle pinne arrotondate. Rispetto ad altre specie di ciclidi, il dimorfismo sessuale non è così evidente dalla colorazione.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Pacifico. Ha un comportamento abbastanza tranquillo, anche se, date le dimensioni (può raggiungere i 15 cm) può dare fastidio ai pesci più piccoli. Diventa anche molto aggressivo durante la riproduzione, infatti si occupa degli avannotti e attacca qualunque pesce nelle vicinanze. Solitamente è un pesce che come zona si muove dal fondo alla parte mediana dei corsi d'acqua. In natura lo si può trovare occasionalmente in branchi che difficilmente superano la decina di esemplari formati per lo più da giovani in fase di crescita in cui il sesso non sia ancora identificabile, tuttavia solitamente è un pesce solitario o che vive in coppia. Ciononostante molte femmine adulte coesisteranno pacificamente senza il maschio, formando "coppie" e deponendo le uova.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver scelto e pulito il luogo della deposizione, la femmina comincia a deporre le uova e il maschio le feconda. Fino alla schiusa la coppia "ventila" le uova, poi protegge gli avannotti, inizialmente mantenendoli in un branco compatto e poi, quando questi cominciano a muoversi perché hanno consumato il sacco vitellino, gradualmente lasciando loro sempre più libertà. La riproduzione non avviene in acque troppo acide (pH inferiore a 6).

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Ha una dieta onnivora e ha bisogno di molto nutrimento. Ghiotto di lombrichi.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Uno dei primi ciclidi ad essere importato per acquariofilia ed è tuttora tra i preferiti grazie alle sue caratteristiche. Viene a volte commercializzato con l'errato nome di Aequidens latifrons che, invece, è un altro pesce. Facile d'allevare e riprodurre in acquari non inferiori a 200 litri. In genere è un pesce economico, anche se i pesci selvatici sono più costosi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci