Alva Noto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alva Noto
Fotografia di Alva Noto
Nazionalità Germania Germania
Genere Ambient
Glitch
Intelligent dance music
Periodo di attività 1996 – in attività
Etichetta Raster-Noton
Sito web

Carsten Nicolai, meglio conosciuto con lo pseudonimo Alva Noto (Karl-Marx-Stadt, 1965[1]), è un artista e compositore tedesco, legato alle arti sonore e visive. Dopo aver fondato la sua etichetta discografica Noton, la fonde con la "Raster Music" di Frank Bretschneider e Olaf Bender e generando quindi la Raster-Noton, nel 1999.[1] Le sue composizioni musicali, ispirate a stili quali l'IDM la glitch music e il rumorismo, sono spesso accompagnate a video che "raffigurano il suono" seguendo gli espedienti della cimatica.[2]

Le sue installazioni sonore sono state ospitate in numerosi spazi culturali, inclusi il Guggenheim Museum di New York,[3] il San Francisco Museum of Modern Art,[2] la galleria d'arte Tate Modern di Londra[4] e la Biennale di Venezia.[5]

I musicisti che collaborarono con Nicolai includono Blixa Bargeld, Ryuichi Sakamoto, Ryoji Ikeda e il già citato Bretschneider.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Con il nome Noto[modifica | modifica sorgente]

  • Spin (Raster-Noton, 1996)
  • (Raster-Noton, 1997)
  • Kerne (Raster-Noton, 1998)
  • Telefunken (Raster-Noton, 1998)
  • Autopilot/Autorec (Raster-Noton, 2002)

Con il nome Alva Noto[modifica | modifica sorgente]

  • Prototypes (Mille Plateaux, 2000)
  • Transform (Mille Plateaux, 2001)
  • Transrapid (EP) (Raster-Noton, 2004)
  • Transvision (EP) (Raster-Noton, 2004)
  • Transspray (EP) (Raster-Noton, 2004)
  • For (Raster-Noton, 2006)
  • Xerrox Vol.1 (Raster-Noton, 2007)
  • Untixt (Raster-Noton, 2008)
  • Xerrox Vol. 2 (Raster-Noton, 2009)
  • For 2 (12k, 2010)
  • Univrs (Raster-Noton, 2011)

Con il nome ø + Noto, insieme a Mika Vainio[modifica | modifica sorgente]

  • Mikro Makro (Raster-Noton, 1997)
  • Wohltemperiert (Raster-Noton, 2001)

Con il nome Signal, insieme a Frank Bretschneider e Olaf Bender[modifica | modifica sorgente]

  • Waves And Lines (Raster-Noton, 1998)
  • Centrun (Raster-Noton, 2000)
  • Robotron (Raster-Noton, 2006)

Con il nome Alva Noto + Ryuichi Sakamoto, insieme a Ryuichi Sakamoto[modifica | modifica sorgente]

  • Vrioon (Raster-Noton, 2002)
  • Insen (Raster-Noton, 2005)
  • Revep (Raster-Noton, 2005)
  • Utp_(Raster-Noton, 2006)
  • Summvs (Raster-Noton, 2011)

Con il nome Opto', insieme a Thomas Knak (Opiate)[modifica | modifica sorgente]

  • Opto Files (Raster-Noton, 2001)
  • Opto Files: 2nd (Raster-Noton, 2004)

Con il nome Cyclo, insieme a Ryoji Ikeda[modifica | modifica sorgente]

  • Cyclo (Raster-Noton, 2001)

Con il nome Aleph-1[modifica | modifica sorgente]

  • Aleph-1 (Impartement, 2007)

Con il nome ANBB, insieme a Blixa Bargeld[modifica | modifica sorgente]

  • Ret Marut Handshake (Raster-Noton, 2010)
  • Mimikry (Raster-Noton, 2010)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Alva Noto | Biography | AllMusic
  2. ^ a b Alva Noto - biografia, recensioni, discografia, foto :: OndaRock
  3. ^ Alva Noto da piazza Plebiscito al Madre Dopo il Guggenheim, l'artista dj al museo - Corriere del Mezzogiorno
  4. ^ Intermedia Art: Ultra: Extreme Economy | Tate
  5. ^ Alva Noto + Backslash - Bologna - sabato 28 gennaio 2012 | In-Giro.net

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]