Alfabeto gurmukhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cartello con scrittura in latino e gurmuhki
Lettere dell'alfabeto gurmukhi con immagine associata

Il gurmukhi è uno dei due alfabeti con i quali viene scritta la lingua punjabi, lingua ufficiale del Punjab, regione del subcontinente indiano oggi divisa tra India e Pakistan.

Nello stato del Punjab, che fa parte dell'Unione Indiana, dove prevale la religione Sikh, il punjabi viene scritto con la scrittura gurmukhi, mentre nel Punjab pakistano, dove la religione prevalente è quella islamica, questa lingua viene più comunemente scritta con la scrittura shahmukhi, una forma modificata dell'alfabeto arabo.

Il nome di questa scrittura significa in punjabi "dalla bocca (mukhi) del guru" in quanto la tradizione vuole che sia stata ideata da Guru Angad Dev ji, successore di Guru Baba Nanak, fondatore della religione Sikh.

Come l'alfabeto devanagari da cui deriva, la scrittura gurmukhi è caratterizzata da una linea orizzontale superiore alla quale le parole, da essa attraversate, sembrano appese. Un'altra caratteristica (comune a quasi tutte le scritture indiane) è che le vocali precedute da un'altra vocale o che si trovano all'inizio di una parola vengono scritte con lettere apposite chiamate vocali indipendenti, che in questo particolare alfabeto si ottengono apponendo il segno vocalico corrispondente a una delle tre basi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India