Aidablennius sphynx

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bavosa sfinge
Aidablennius sphynx.jpg Aidablennius sphynx head.jpg
Un esemplare maschile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Blennioidei
Famiglia Blenniidae
Genere Aidablennius
Specie A. sphynx
Nomenclatura binomiale
Aidablennius sphynx
(Valenciennes, 1836)
Sinonimi

Blennius sphynx,
Blennius sphinx,
Aidablennius sphinx

Aidablennius sphynx

La Bavosa sfinge (Aidablennius sphynx (Valenciennes, 1836)) è un pesce di mare della famiglia Blenniidae comune nei mari italiani[1].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È quasi endemica del mar Mediterraneo, infatti fuori da questo mare si trova solo in un ristretto tratto delle coste del Marocco. È presente anche in mar Nero. Nei mari italiani è frequentissima.
Vive a profondità bassissime, non superiori ad 1 m, su rocce coperte da alghe. Specie stenoalina che non penetra mai in acque salmastre.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Aspetto generale tipico dei blennidi, i caratteri per il riconoscimento sono i seguenti:

  • profilo del capo subverticale
  • pinna dorsale con una profonda intaccatura al centro
  • tentacolo oculare sottile e non ramificato
  • colore beige con barre scure abbastanza larghe con bordura azzurra o bianca.

Il maschio ha la parte anteriore della pinna dorsale molto più alta della femmina, ornata da strisce serpeggianti rosse e blu ed ha dietro l'occhio una macchia ocellare verde con bordo rosso.
Raggiunge i 7 cm.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Vive nelle pozze di scogliera ricche d'alghe, dove trova un ottimo habitat per cibarsi e nascondersi.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre sia di alghe e detriti che prevalentemente di piccoli invertebrati acquatici[2].

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Avviene in estate in spaccature degli scogli, in acque bassissime. Le uova sono adesive e vengono attivamente guardate dal maschio[3].

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

È una specie apprezzata per gli acquari mediterranei.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Aidablennius sphynx in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).
  2. ^ Alimenrazione. URL consultato il 13 aprile 2014.
  3. ^ Riproduzione. URL consultato il 13 aprile 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci