Aeroporto di Dakar-Léopold Sedar Senghor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di Dakar-Léopold Sedar Senghor
PhareMamelles6.JPG
IATA: DKR – ICAO: GOOY
Descrizione
Nome impianto Aéroport international de Dakar-Léopold Sédar Senghor
Tipo civile e militare
Stato Senegal Senegal
Regione Dakar
Città Dakar
Posizione Yoff
Altitudine AMSL 26 m
Coordinate 14°44′38″N 17°28′46″W / 14.743889°N 17.479444°W14.743889; -17.479444Coordinate: 14°44′38″N 17°28′46″W / 14.743889°N 17.479444°W14.743889; -17.479444
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Senegal
GOOY
Sito web http://www.aeroportdakar.com
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
18/36 3 490 x 45 m asfalto/cemento
03/21 1 483 x 30 m asfalto
Statistiche (2008)
Passeggeri in transito 2 205 000

Dati estratti dall'AIP del Senegal[1].

verificato il 28 aprile 2014

L'Aeroporto di Dakar-Léopold Sedar Senghor[2] (IATA: DKRICAO: GOOY) è un aeroporto senegalese situato vicino all'abitato di Yoff, nel dipartimento di Dakar, ed è il principale aeroporto del Senegal.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto è costruito in prossimità del villaggio di Yoff, ed è stato per molto tempo chiamato aeroporto internazionale di Dakar-Yoff, attualmente è intitolato a Léopold Sédar Senghor, già presidente del Senegal.

Per decongestionare questo aeroporto è in costruzione, dal 2007, un nuovo aeroporto a circa 40 chilometri a sud-est da Dakar: l'aeroporto di Dakar-Blaise Diagne, a Diass.

Nel corso degli ultimi dieci anni hanno visto una costante crescita media del 7% annuo. 35.000 movimenti di aeromobili sono registrati nel corso dell'anno, con un traffico di passeggeri di 1,2 milioni di persone[3].

È il primo aeroporto dell'UEMOA per traffico passeggeri e l'ottavo aeroporto dell'Africa, preceduto da quello di Johannesburg e da quelli del Maghreb.

Compagnie aeree e destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ GOOY - DAKAR/Léopold Sedar SENGHOR, AIP Sénégal
  2. ^ (FREN) ASECNA, AD. 2 - AERODROME in AIS Asecna, http://www.ais-asecna.org. URL consultato il 24 aprile 2014.
  3. ^ Chiffres de l'APIX

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]