Adriana Fossa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Adriana Elena Fossa Blanco (Caracas, 8 giugno 1968) è un'ex modella, attrice e imprenditrice venezuelana, moglie dell'ex capitano del Milan Paolo Maldini.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlia di un imprenditore di origini trevigiane, Stefano Fossa[1], e di Dianora Blanco, esponente di una della famiglie più importanti del Venezuela.

Dopo aver frequentato le scuole superiori intraprende la carriera di modella e si trasferisce a Miami[1], dopo aver sfilato a Parigi, nel 1987 arriva a Milano[1]. Nel 1988 prende parte al telefilm Aquile[1], prodotto dalla RAI. Nel telefilm interpreta il personaggio di Carmela, modella siciliana sempre in lotta con la bilancia. Sempre nello stesso anno incontra presso una nota discoteca milanese l'allora calciatore del Milan Paolo Maldini. L'apice della sua carriera si ha nel 1990 quando sfila per Gianni Versace, Laura Biagiotti e Gianfranco Ferrè e partecipa alla trasmissione televisiva Telemike con Mike Bongiorno.

Il 14 dicembre 1994 si unisce in matrimonio con Paolo Maldini a Cassano d'Adda[2]. Paolo e Adriana hanno due figli[3], Christian (14 giugno 1996)[4] e Daniel (11 ottobre 2001).

Dopo la nascita dei figli Adriana abbandona la carriera di modella[5] (ultima sfilata nel 2002 per Roberto Cavalli[6]) per dedicarsi ad attività imprenditoriali e benefiche.

Attualmente detiene delle quote nella società che gestice il marchio di abbigliamento Sweet Years (fondato dal marito Paolo Maldini assieme al calciatore Christian Vieri)[7]. Per lo stesso marchio svolge inoltre attività di consulenza nel settore accessori.

Impegnata sul fronte beneficenza, è tra le promotrici e testimonial della manifestazione milanese Convivio per la raccolta di fondi in favore della ricerca sull'HIV[8]. Sostiene inoltre l'associazione ACTION AID, che promuove l'adozione a distanza (con Paolo ha infatti adottato due bambini a distanza).

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2010 viene indagata, assieme al marito Paolo Maldini, con le accuse di corruzione e spionaggio. Attraverso delle intercettazioni telefoniche, le viene contestato l'accesso abusivo al sistema informatico dell'Anagrafe tributaria nell'ambito di una operazione economica[9].

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Germano Bovolenta, Venne a Caracas e spaventò mamma in La Gazzetta dello Sport, 28 novembre 1999, p. 11. URL consultato il 22-04-2010.
  2. ^ Maldini oggi si sposa niente viaggio di nozze in La Stampa, 14 dicembre 1994, p. 32. URL consultato il 22-04-2010.
  3. ^ Vi racconto i miei Maldini in La Gazzetta dello Sport, 14 ottobre 2005, p. 1. URL consultato il 22-04-2010.
  4. ^ MALDINI <Che bello, sono papà> in La Repubblica, 15 giugno 1996, p. 32. URL consultato il 22-04-2010.
  5. ^ Arianna Ravelli, Maldini e Zanetti: noi, straniere, innamorate di Milano «Mi sono trasformata in una supertifosa Il mio sogno? Rivedere Paolo in azzurro» in Corriere della Sera, 05 gennaio 2004, p. 47. URL consultato il 22-04-2010.
  6. ^ Gian Luigi Paracchini, L' intimo sceglie la trasgressione in Corriere della Sera, 27 settembre 2002, p. 18. URL consultato il 22-04-2010.
  7. ^ Gianfrancesco Turano, Gli affari della «Bobo gold» spa in Corriere della Sera, 19 maggio 2008, p. 11. URL consultato il 22-04-2010.
  8. ^ Noi, personal shopper per Convivio in Corriere della Sera, 28 novembre 2006, p. 19. URL consultato il 22-04-2010.
  9. ^ Milano, Paolo Maldini e la moglie indagati con le accuse di corruzione e spionaggio in La Repubblica, 22 aprile 2010. URL consultato il 22-04-2010.