Adolphe Ferrière

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adolphe Fèrriere

Adolphe Fèrriere (Ginevra, 18791960) è stato un pedagogista svizzero. Giovanissimo cominciò a coltivare una grande varietà di interessi, quelli pedagogici. Nel 1899 insieme ad altri studiosi creò, come centro coordinatore di iniziativie educative, l'Ufficio Internazionale delle Scuole Nuove, i cui compiti vennero poi assunti dall'Ufficio Internazionale dell'Educazione, che è ancor oggi il maggior centro europeo di formazione pedagogica e scolastica.

Nel 1921 fondò con altri, a Calais, la Lega internazionale per le scuole nuove, che coordinò i movimenti di rinnovamento educativo del mondo intero. A lui si deve la diffusione del termine scuola attiva, che fu usato per la prima volta nel 1917 da un altro pedagogista della scola di Ginevra, Pierre Bovet. Le basi teoriche della pedagogia di Ferrière rivelano un certo eclettismo, che comprende posizioni filosofiche legate a quelle di Rousseau, Bergson e Dewey. Nelle sue opere si svolgono concezioni diverse intorno ai tre fondamenti:

  • L'educazione attiva deve sviluppare lo slancio vitale spirituale del bambino
  • L'evoluzione del bambino ricapitola l'evoluzione della specie. ossia in essa vengono ripercorse le tappe dell'evoluzione della specie umana nella sua intera storia
  • La capacità di conoscere del bambino è legata all'apprendimento attraverso l'interesse.

L'interesse si sviluppa diversificandosi nelle varie età, secondo un ritmo ed uno svolgimento propri di tutti gli individui. Attraverso questo sviluppo il bambino conquista la sua autonomia, a patto che possa esprimere attitudini e capacità spontanee individuali nell'ambito di attività sociali: soltanto la partecipazione attiva alla vita del gruppo e della comunità lo mette in grado di assumere iniziative responsabili.

Tali iniziative, nella pratica scolastica, si concretano nelle forme dell'autogoverno e sorgono soprattutto in connessione con le attività manuali. Vi è quindi nel pensiero di Ferrière l'ideale di impostazione democratica, ideale che si rafforzò poi in relazione alle vicende storiche del Novecento.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Transformons l'école (1920)
  • L'éducation dans la famille (1920)
  • L'autonomie des écoliers (1921)
  • L'école active (1922)
  • L'activité spontanée de l'enfant(1922)
  • Libération de l'homme (1942)
  • Maisons d'enfants de l'aprés guerre(1949)

In molti casi queste opere furono tradotte in italiano.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 88642085