Adolfo Albertazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adolfo Albertazzi

Adolfo Albertazzi (Bologna, 8 settembre 1865Bologna, 10 maggio 1924) è stato uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu discepolo, amico e biografo di Giosuè Carducci. Fu insegnante a Mantova, a Foggia ed infine all'istituto Pier Crescenzi di Bologna. Narratore fecondo, vide la sua opera esaltata da alcuni e criticata da altri. Di lui Papini scrive "uno dei pochi prodigi della vivente letteratura italiana"; Luigi Russo lo giudica "Narratore ricco di ingegno e di cultura e di nobilissime intenzioni, ma povero di temperamento".

Scrisse romanzi, racconti sullo stile di Maupassant, saggi critici e libri per l'infanzia. Curò l'edizione di opere di Carducci, Tommaseo, Oriani, Tassoni, oltre che raccolte di novelle in cui mostra, nell'ambito del gusto verista, un particolare spirito ironico e felici momenti lirici. Collaborò assiduamente a Il Resto del Carlino e fu figura centrale del cenacolo carducciano a Bologna. È sepolto alla Certosa di Bologna.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Albertazzi alla scrivania nella sua casa di Castel San Pietro Terme

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • La contessa d'Almond (1894);
  • L'Ave (1896);
  • Ora e sempre (1899);
  • In faccia al Destino (1906)

Saggi critici[modifica | modifica wikitesto]

  • Romanzieri e romanzi del Cinquecento e del Seicento (1891);
  • Il romanzo (1903);
  • Tasso (1911);
  • Foscolo (1915);
  • Il Carducci in professione d'uomo (1921)

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Novelle umoristiche (1900);
  • Il zucchetto rosso e storie di altri colori (1908);
  • Amore e amore (1914);
  • Il diavolo nell'ampolla (1918);
  • Strane storie di storia vera (1920);
  • Facce allegre (1921);
  • Top (1921);
  • La merciaina del piccolo ponte. Tra gente varia (1924)

Libri per l'infanzia[modifica | modifica wikitesto]

  • Asini e compagnia (1913);
  • Cammina cammina cammina (1920);
  • I racconti di Corcontento (1922).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]