Abd Rabbo Mansur Hadi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Carica pubblica}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Una foto giovanile di Abd Rabbo Mansur Hadi

Maresciallo di campo Abd Rabbo (Rabbihi) Mansur Hadi (in arabo: عبد ربه منصور هادي; Dhakin Governatorato di Abyan, 1 settembre 1945) è un militare e politico yemenita, presidente dello Yemen dal 22 febbraio 2012.[1].

Precededentemente vicepresidente dal 1994[2][3] al 2012. Dal 4 giugno al 23 settembre 2011 è stato Presidente ad interim, mentre ʿAlī ʿAbd Allāh Ṣāliḥ era ricoverato per cure mediche in Arabia Saudita, a seguito di un attentato al palazzo presidenziale nel corso della rivolta yemenita del 2011.[4]

Il feldmaresciallo (mushīr) Hadi assume di nuovo l'interim presidenziale il 23 novembre 2011, in accordo col "Piano di Riyad". Ṣāliḥ resta Presidente onorario fino alle elezioni presidenziali yemenite del 2012]].

Il 21 febbraio 2012, unico candidato nelle prime elezioni a suffragio universale della storia dello Yemen, è eletto Presidente della Repubblica col 99,8 % dei voti, in un'elezione che aveva visto la partecipazione del 65 % degli aventi diritto, per un mandato provvisorio di due anni.[5]

L'11 settembre 2012, decide di allontanare diversi alti funzionari dei servizi di sicurezza, ritenuti troppo leali al vecchio Capo dello Stato, ʿAlī ʿAbd Allāh Ṣāliḥ,[6] · [7].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Yemen's New Acting President: Abd Rabu Who? | Waq al-Waq | Big Think
  2. ^ The CIA World Factbook 2008 in Skyhorse Publishing, CIA, 2007, p. 688, ISBN 978-1-60239-080-5.
  3. ^ Yemen in World Leaders, Central Intelligence Agency, 9 febbraio 2012.
  4. ^ Al-Hadi acting President of Yemen in Al Jazeera, 4 giugno 2011.
  5. ^ Rulers
  6. ^ Il Presidente yemenita liquida alcuni capi della Sicurezza filo-Ṣāliḥ, Le Point, 11 settembre 2012.
  7. ^ Manifestazione-mostro in Yemen per reclamare l'eliminazione dell'immunità a Ṣāliḥ, Le Monde, 11 settembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]