Škoda 10 cm Vz. 1930

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Škoda 10 cm Vz. 1930
Una batteria di 10 cm Vz. 30
Una batteria di 10 cm Vz. 30
Tipo Obice (usabile come obice da montagna/cannone campale)
Origine Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Impiego
Utilizzatori Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Germania Germania
Romania Romania
Slovacchia Slovacchia
Conflitti Seconda guerra mondiale
Produzione
Data progettazione 1928
Costruttore Škoda
Date di produzione 1930-1939
Descrizione
Peso in marcia: 3077 kg
in batteria: 1766 kg
Lunghezza canna 2,5 m
Calibro 100 mm
Peso proiettile 16 kg
Cadenza di tiro 6-8 colpi/min
Velocità alla volata 430 m/s
Gittata massima 10600 m
Elevazione -8°/+80°
Angolo di tiro

[senza fonte]

voci di armi d'artiglieria presenti su Wikipedia

Il Škoda 10 cm Vz. 1930 era un obice cecoslovacca, di buone prestazioni, adottata nel 1930 come il più piccolo Škoda 7,65 cm Vz. 1930.

L'arma deriva dal progetto dello Škoda 10 cm Vz. 1928 ed era proposto come la sintesi tra un cannone campale ed un obice da montagna. Il pezzo fu adottato dai cecoslovacchi per sostituire l'obsoleto arsenale di pezzi austro-ungarici, sostituendo le ruote di legno cerchiato con moderni pneumatici, ma mantenendo curiosamente il sedile per il servente sullo scudo. Nel 1939, con l'invasione della Cecoslovacchia, la Wehrmacht incorporò 158 obici catturati, ridenominandoli 10 cm leFH 30(t)[1][2]. Altri 30 pezzi invece furono ereditati dall'esercito slovacco[3].

Pur essendo un obice, esso era nondimeno utilizzabile come arma contraerea.
Fu usato dai tedeschi con eccellenti risultati, ma non come arma contraerea. L'alzo molto elevato era molto utile per controbattere la guerriglia in zone montagnose.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Niehorster, Leo W. G. German World War II Organizational Series, Vol. 2/II: Mechanized GHQ units and Waffen-SS Formations (10 May 1940), 1990
  2. ^ Niehorster, Leo W. G. German World War II Organizational Series, Vol. 3/II: Mechanized GHQ units and Waffen-SS Formations (22 June 1941), 1992
  3. ^ Kliment and Nakládal, p. 122

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Engelmann, Joachim e Scheibert, Horst. Deutsche Artillerie 1934-1945: Eine Dokumentation in Text, Skizzen und Bildern: Ausrüstung, Gliederung, Ausbildung, Führung, Einsatz. Limburg/Lahn, Germany: C. A. Starke, 1974
  • Gander, Terry e Chamberlain, Peter. Weapons of the Third Reich: An Encyclopedic Survey of All Small Arms, Artillery and Special Weapons of the German Land Forces 1939-1945. New York: Doubleday, 1979 ISBN 0-385-15090-3
  • Kliment, Charles K. e Nakládal, Bretislav. Germany's First Ally: Armed Forces of the Slovak State 1939-1945. Atglen, PA: Schiffer, 1997 ISBN 0-7643-0589-1