Šči

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un piatto di šči (щи)

Lo šči (in russo: щи[?]), è una varietà di zuppa condita e consiste in una famosa pietanza nazionale russa.

La sua caratterista principale è il gusto aspro, dovuto al grande uso di cavolo nella preparazione. Il cavolo non è tuttavia l'elemento fondamentale di questa zuppa, in quanto il gusto acidulo può essere dato anche da altre piante, quali l'acetosa o altre erbe neutre condite con salamoia di cavolo o di altre verdure. In seguito, un altro elemento da sottolineare riguarda le verdure, che vanno aggiunte alla zuppa crude, senza alcuna precedente cottura e senza essere state soffritte.

Lo šči viene solitamente preparato nel brodo di manzo, anche se nelle regioni russe occidentali viene utilizzata anche la carne di maiale o di volatili da cortile. Lo šči presenta una variante vegetale, definita pustoj (vuota). Bisogna poi evidenziare anche un altro tipo di zuppa, chiamato sutočnyj (giornaliero): esso acquisice un gusto tutto particolare e viene consumato solamente nel giorno successivo alla preparazione. Come condimento si può utilizzare della smetana (panna acida), da sola o unita alla crema di latte. Durante il pasto, lo šči viene accompagnato da fette di pane nero.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Si ritiene che il termine "щи" (oppure "щти") provenga dal paleoslavo "съти" (s"ti). Si tratta di un appellativo generale dato inizialmente a tutti i pani densi e nutrienti.

Secondo un'altra versione, invece, la parola щи consiste nell'abbreviazione del francese chou (cavolo).