Śatapatha Brāhmaṇa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Veda

Il Śatapatha Brāhmaṇa (devanāgarī: शतपथ ब्राह्मण; lett. "il Brāhmaṇa dei cento sentieri") è un testo dei Brāhmaṇa collegati allo Śukla Yajurveda (lo Yajurveda "bianco"), il Veda contenente i mantra mormorati dallo adhvaryu durante il rito sacrificale (yajña).

Il Śatapatha Brāhmaṇa è il più ampio ed esauriente Brāhmaṇa, ovvero di quei testi composti in sanscrito vedico tra l'XI e il IX secolo a.C., di cui esso rappresenta uno dei più recenti, probabilmente composto nella sua forma definitiva intorno all'VIII secolo a.C.

Come, e forse più degli altri Brāhmaṇa, il Śatapatha Brāhmaṇa è soprattutto un compendio di procedure sacrificali. Nel Śatapatha Brāhmaṇa sono infatti compiutamente descritti i cinque principali riti sacrificali vedici:

  • Vājapeya: (in V,1,1,1) rito che precede l'Aśvamedha, fatto celebrare da un sacerdote (ṛtvij) prima di assumere la prestigiosa carica di purohita o da un sovrano (rāja) prima di essere consacrato tale.
  • Rajāsūya: (in V,2,3,1) rito strettamente collegato al primo, ma probabilmente in origine collegato alla "fertilità", in quanto variante della consacrazione del re.
  • Aśvamedha:
  • Puruṣamedha:
  • Sarvamedha: (in XIII,7,1) sacrificio indicato come "universale" (sarvam) della durata di dieci giorni.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]