Vinicio Berti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vinicio Berti (Firenze, 1921Firenze, 1991) è stato un pittore, illustratore ed autore di fumetti italiano. Tra i fondatori dell'Astrattismo classico fiorentino fu una delle personalità artistiche più significative del dopoguerra.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha seguito studi di tipo tecnico-industriale ed artistici. Dal 1942 esordisce con opere di carattere realista-espressionista, iniziando così la sua partecipazione al movimento di rinnovamento dell'arte contemporanea italiana. Nel 1945 fonda insieme al pittore Bruno Brunetti, Fernando Farulli, Gualtiero Nativi e al poeta Alberto Caverni, il giornale culturale rivoluzionario Torrente, ed è tra i protagonisti del movimento innovatore Arte d'Oggi, legato alla rivista omonima. Alla pittura astratta approda nel 1947, dopo una fase di rilettura del cubismo e del futurismo (1945 - 1947). I punti di riferimento in questi anni a Firenze sono la Galleria d'Arte contemporanea sul Lungarno delle Grazie e la Galleria Numero di Fiamma Vigo. Con Bruno Brunetti (pittore), Alvaro Monnini, Gualtiero Nativi e Mario Nuti fonda il movimento Astrattismo classico e ne sottoscrive nel 1950, a conclusione dell'esperienza, il Manifesto redatto da Ermanno Migliorini. Tra il 1951 e il 1956 esegue una serie di lavori definita da lui stesso Espansione dell'astrattismo classico. Agli anni sessanta appartengono lavori maggiormente grafici, più vicini all'informale. Nel 1963 riceve a Firenze il premio Il Fiorino; negli anni settanta e ottanta il lavoro di Vinicio Berti prosegue con eguale impegno e spessore qualitativo.[1]

Parallelamente alla sua attività di pittore svolse costantemente l'attività di illustratore e fumettista in pubblicazioni per ragazzi. Il suo esordio in questo campo avviene nel 1947 con una sua versione di "Pinocchio". Nei decenni successivi illustrerà le storie di personaggi come 'Gian Burrasca', 'Ciondolino', 'Il Pioniere Chiodino' e 'Atomino'.

Esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ridotto teatro Verdi Trieste (Trieste, 1943)
  • Palazzo Strozzi (Firenze, 1946)
  • Rassegna Nazionale d'Arte (Roma, 1947)
  • Arte Astratta e concreta in Italia, Galleria Nazionale d’Arte moderna (Roma, 1951)
  • Palazzo Strozzi (Firenze,1955)
  • The Parker Exhibition of the Contemporary Italian Painting (New York, 1959)
  • Palazzo Vecchio (Firenze, 1981)
  • Vinicio Berti. Dipinti, disegni (1941-1981), limonaia del Palazzo dei Congressi (Firenze, 1984),a cura di Alessandro Lazzeri
  • XI Quadriennale (Roma, 1986),
  • Vinicio Berti. Espansione dell'astrattismo classico. Dipinti 1951-1987, Palazzo Strozzi-La Strozzina, (Firenze, 1987),a cura di Alessandro Lazzeri e Claudio Spadoni.
  • Centro d'arte Spaziotempo (Firenze, 2001)
  • Palazzo della Permanente (Milano, 2003)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pirovano 1993, p. 625.

Vinicio Berti non si è mai avvicinato all'informale, ma ha sempre sviluppato coerentemente il proprio lavoro mantenendo anzi una forma rigorosamente astratta. Infatti non ha mai operato dentro il proprio intimismo perché lo considerava non utile alla società. Il suo costante lavoro è orientato sempre a portare avanti i principi peculiari dell'astrattismo Classico, egli opera una forma di astrattismo espressionista.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Pirovano (a cura di), Berti, Vinicio, in La pittura in Italia : Il Novecento/2 : 1945-1990, vol. 2, Milano, Electa, 1993, ISBN 88-435-3982-5.
  • S. Benco, "Nel ridotto del Verdi....la mostra degli artisti e artigiani", Il Piccolo di Trieste, Trieste 18 maggio 1943

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN116095561 · ISNI (EN0000 0004 5952 1257 · SBN IT\ICCU\CFIV\010488 · LCCN (ENn85090509 · GND (DE122096444 · BNF (FRcb13073267k (data) · ULAN (EN500029780 · WorldCat Identities (ENn85-090509