Via delle Bocchette

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Via delle Bocchette
Via delle bocchette centrali e alte dolomiti di brenta 11.jpg
Bocchette centrali e alte
NumeroSAT O305[1][2]
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrento Trento
Catena montuosaDolomiti di Brenta
MontagnaCima Grostè, Cima Falkner, Cima Brenta, Torre di Brenta, Campanile Basso, Cima Brenta Alta, Cima Tosa e Cima d'Ambiez
Percorso
InizioRifugio Graffer al Grostè
FineRifugio 12 Apostoli
IntersezioniSentiero Dallagiacoma, Sentiero Orsi, Sentiero Palmieri, Sentiero Martinazzi[1]
Lunghezzacirca 20[1][3] km
Altitudine max.circa 2990 m s.l.m.
Altitudine min.circa 2500 m s.l.m.
Dislivellocirca 1500 m
Tipo superficieroccia (prevalentemente dolomia), ghiaia, neve e ghiaccio
Dettagli
Tempo totalecirca 15-25 ore da suddividere in 2-5 giorni
Difficoltàmedia-elevata
Via delle Bocchette - Dolomiti di Brenta - cartina percorsi.png
Percorso della Via delle Bocchette all'interno del Gruppo delle Dolomiti di Brenta. In particolare:
1 - Via ferrata Benini
2 - Bocchette Alte
3 - Bocchette Centrali
4 - Via ferrata Brentari
5 - Via ferrata Ideale
5b - Via ferrata Castiglioni

Il Sentiero delle Bocchette è un sentiero attrezzato situato nel gruppo delle Dolomiti di Brenta, ed è forse la più famosa via in alta quota di tutte le Dolomiti.[4] Suddiviso in cinque tratti, si estende attraverso le caratteristiche cenge, tipiche delle Dolomiti di Brenta.

Offre la possibilità a tutti gli appassionati con un minimo di esperienza di godere dello spettacolo delle montagne del Gruppo del Brenta ad un'altezza superiore ai 2500 metri.

Caratterisitche[modifica | modifica wikitesto]

La Via delle Bocchette è un insieme di sentieri e vie ferrate che, sfruttando le caratteristiche cenge, attraversa il gruppo di Brenta da nord a sud, collegando i rifugi e le svariate valli. Il percorso non segue il filo di cresta bensì attraversa le verticali pareti dolomitiche attraverso gli stretti valichi, ovvero le cosiddette “bocche” che ne danno il nome. Si tratta di un percorso conosciuto in tutto il mondo.[4][5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene già a fine '800 si cominciò a pensare come rendere più semplice l'accesso alle montagne e nel 1926 Pino Prati scrisse nella sua guida della possibilità di collegare le bocchette del Brenta[6], i primi a considerare seriamente la realizzazione di questo percorso furono nel 1932 Giovanni Strobele, segretario della SAT e Arturo Castelli, gestore del Rifugio Pedrotti.[7][8]

«Fu allora durante le lunghe serate trascorse con gli amici al rifugio della Tosa nel tepore familiare della cucina, davanti ad un bicchiere di “rosso” offerto da Arturo Castelli, dopo lunghe discussioni sui tanti problemi da risolvere per valorizzare ancora le nostre montagne, che balenò a Castelli e a me l'idea di sfruttare le cenge per collegare fra loro i rifugi della SAT nel Brenta con un sentiero attrezzato che arrivasse fino al Passo del Grosté, dove inizia il Sentiero delle Palete. La conoscenza della zona, l'esito delle prime ricognizioni, notizie e pareri di tanti alpinisti e guide alpine, le numerose fotografie scattate e, non dimentichiamolo, lo studio della bellissima carta topografica disegnata dall'Aegerter, confermarono che l’opera si poteva realizzare.»

(Giovanni Strobele, La via delle Bocchette[9])

L'idea era quella di realizzare un sentiero che, pur rimanendo in quota sfruttando le caratteristiche cenge, permettesse di collegare i vari rifugi del Brenta nonché aprisse alla traversata dell'intero gruppo. L'obiettivo che si prefissava l'intero progetto consisteva nel permettere anche ai semplici escursionisti di visitare luoghi che fino a quel momento, per via delle elevate difficoltà tecniche, erano raggiungibili solo da forti alpinisti.

La realizzazione del tracciato consisteva sostanzialmente nel collegare le numerose cenge, cosa che avvenne dapprima a mano e in seguito usando compressori o esplosivo.[10] Come nelle attuali vie ferrate, la sicurezza veniva garantita da corda metallica, gradini e scale di ferro.

Il progetto inizialmente prevedeva la costruzione della via ferrata solo nel tratto centrale del gruppo (quello che attualmente ha la definizione SOIUSA di Gruppo centrale di Brenta): lungo queste montagne i tratti di ferrata portano per l'appunto nel nome il termine "Bocchette".

La via ferrata delle Bocchette Centrali fu realizzata nell'arco di vent'anni tra il 1937 e il 1957 mentre nel 1969 fu inaugurata la via ferrata delle Bocchette Alte. A queste si aggiunse la via ferrata Benini, realizzata in forma privata tra il 1970 e il 1972 e subito dopo ceduta alla SAT. Per quanto riguarda gli altri tratti, nel 1933 venne realizzato il Sentiero dell'Ideale (leggermente diversa dall'attuale via ferrata dell'Ideale) e, subito dopo la guerra nel 1946, veniva inaugurata la via ferrata Castiglioni. Quindi, nel 1950, veniva attrezzata la via ferrata Brentari, che sostituiva in parte il tracciato del Sentiero dell'Ideale.[7]

Quasi tutti i tratti della parte centrale di questo percorso (Bocchette Alte e Bocchette Centrali) sono intitolati a grandi alpinisti del passato, nell'ordine: Otto Gottstein, Carla Benini de Stanchina, Bartolomeo Figari, Arturo Carlo Quintavalle, Mario Coggiola, Maria Foresti e Carlo Garbari.

Itinerario[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

Il primo tratto della Via delle Bocchette è il Sentiero A. Benini di media difficoltà, che aggira Cima Grostè, Cima Falkner e Cima Sella. Il tratto attrezzato parte poco dopo il Passo del Grostè e raggiunge la Bocca di Tuckett. Si attraversano la Bocchetta dei Camosci, la Bocchetta Alta di Vallesinella. [11] [12]

Dalla Bocca di Tuckett partono le Bocchette Alte, il tratto più lungo e impegnativo dell'intero percorso che si snoda principalmente lungo l'imponente massiccio di Cima Brenta. Si attraversano la Bocca di Tuckett, la Bocca Alta, la Bocca Bassa dei Massodi e Bocca degli Armi. In questo tratto è presente la caratteristica "scala degli amici", esposta e lunga circa 30 metri. [13] [14] [15]

Seguono le Bocchette Centrali, il tratto di maggiore interesse paesaggistico che supera la Torre di Brenta, gli Sfulmini, il Campanile Alto, il Campanile Basso e Cima Brenta Alta, nel cuore del gruppo. Si attraversano la Bocca degli Armi, la Bocca del Campanile Basso e Bocca di Brenta. [16] [17] [18]

Dopo un tratto di sentiero di avvicinamento inizia il Sentiero O. Brentari che attraversa parte del massiccio di Cima Tosa: in particolare permette la calata dalla Sella della Tosa fino alla Vedretta d'Ambiez. [19] [20]

Infine il Sentiero dell'Ideale aggira la seconda metà di Cima Tosa e Cima d'Ambiez, nella sezione meridionale del Gruppo di Brenta. Questo sentiero permette di attraversare Bocca d'Ambiez e la Bocchetta dei Camosci. In alternativa il Sentiero E. Castiglioni aggira Cima d'Ambiez da sud, attraversando la Bocchetta dei Due Denti. [21] [22] [23] [24]

L'itinerario, se percorso da nord verso sud, può essere riassunto nella seguente tabella.[25]

Via delle Bocchette
Tratto Via ferrata Collegamenti Rifugi Quota max.
1 Via ferrata Benini Passo del Grostè → Bocca di Tuckett Rifugio GrafferRifugio Tuckett 2910 m s.l.m.
2 Bocchette Alte Bocca dei Camosci → Vedretta degli Armi Rifugio TuckettRifugio Alimonta 2990 m s.l.m.
3 Bocchette Centrali Bocca degli Armi → Bocca di Brenta Rifugio AlimontaRifugio Pedrotti 2770 m s.l.m.
4 Via ferrata Brentari Sella della Tosa → Vedretta d'Ambiez Rifugio PedrottiRifugio Agostini 2890 m s.l.m.
5 Via ferrata dell'Ideale Vedretta d'Ambiez → Bocca dei Camosci Rifugio AgostiniRifugio XII Apostoli 2870 m s.l.m.
5 var. Via ferrata Castiglioni Conca d'Agola → Bocca dei Due Denti Rifugio AgostiniRifugio XII Apostoli 2860 m s.l.m.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Sentieri SAT: la giusta via per vivere il territorio, su sat.tn.it. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  2. ^ In particolare i sentieri sono SAT O305 per il Sentiero Benini, SAT O305A per le Bocchette Alte, SAT O305C per le Bocchette Centrali, SAT O358 per il Sentiero Brentari, SAT O304 per il Sentiero dell'Ideale e SAT O321 per la Ferrata Castiglioni.
  3. ^ Considerando il percorso dal Rifugio Graffer al Rifugio Dodici Apostoli senza passare per gli altri rifugi intermedi.
  4. ^ a b Linda Grossi, La Via delle Bocchette. Una ferrata che attraversa le intere Dolomiti di Brenta, su visittrentino.info, 27 settembre 2019. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  5. ^ Bocchette e vie ferrate del Brenta: la montagna da un nuovo punto di vista, su campigliodolomiti.it. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  6. ^ Pino Prati, Dolomiti di Brenta: guida dei monti d’Italia., 1926.
  7. ^ a b Achille Quarello, Via delle Bocchette. Dal Passo del Grosté a Sant'Antonio di Mavignola in cinque tappe., su montagnavissuta.it. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  8. ^ La via delle Bocchette., su gognablog.sherpa-gate.com. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  9. ^ Giovanni Strobele, Dolomiti di Brenta: la via delle Bocchette, Manfrini edizioni, 1968.
  10. ^ Sassi, Bocchette, un panorama dell'anima, in Corriere del Trentino, 8 settembre 2019.
  11. ^ Sentiero Attrezzato "A. Benini", Via delle Bocchette, su vieferrate.it, agosto 2005. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  12. ^ Via ferrata Alfredo Benini, su dolomitibrenta.it. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  13. ^ Via ferrata delle "Bocchette Alte", Via delle Bocchette, su vieferrate.it, luglio 2003. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  14. ^ Via ferrata delle Bocchette Alte su Cima Brenta, su planetmountain.com. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  15. ^ Via delle Bocchette Alte, su dolomitibrenta.it. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  16. ^ Sentiero attrezzato delle "Bocchette Centrali", Via delle Bocchette, su vieferrate.it, luglio 2006. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  17. ^ Via ferrata delle Bocchette Centrali su Cima Brenta Alta, su planetmountain.com. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  18. ^ Via delle Bocchette Centrali, su dolomitibrenta.it. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  19. ^ Via ferrata "L. Brentari", Via delle Bocchette, su vieferrate.it, luglio 2005. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  20. ^ Via ferrata Ottone Brentari, su dolomitibrenta.it. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  21. ^ Sentiero attrezzato dell'Ideale a Bocca d'Ambiez, su vieferrate.it, 2005. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  22. ^ Escursioni dal Rifugio XII Apostoli, su rifugiododiciapostoli.com. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  23. ^ Via ferrata "E. Castiglioni", Via delle Bocchette, su vieferrate.it, luglio 2005. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  24. ^ Via ferrata Ettore Castiglioni, Dolomiti di Brenta, su outdooractive.com. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  25. ^ Roberto Ciri, La via delle Bocchette e le ferrate del Brenta, in F. Cappellari (a cura di), Sentieri d'autore, illustrazioni di M. Romelli, Idea Montagna Edizioni, 2016, ISBN 8-8972-9986-5.