Venceslao I di Boemia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Venceslao I
VaclavGelnhausenovekodexu.jpg
Venceslao I a cavallo
Re di Boemia
In carica 1230 –
1253
Regno di Boemia
Predecessore Ottocaro I di Boemia
Successore Ottocaro II di Boemia
Nascita 1205
Morte 23 settembre 1253
Dinastia Přemyslidi
Padre Ottocaro I di Boemia
Madre Costanza d'Ungheria
Consorte Cunegonda di Svevia
Figli
  • Vladislao
  • Ottocaro
  • Beatrice
  • Agnese
Religione cattolica

Venceslao I di Boemia (1205Počaply, 23 settembre 1253) discendente della dinastia dei Přemyslidi, era figlio di Ottocaro I e di Costanza d'Ungheria e fu re di Boemia dal 1230 alla morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appena salito al trono nel 1230 si trovò di fronte a un'invasione mongola, nonostante la vittoria del 1242 a Olomouc[1], Venceslao evitò la distruzione del suo regno ma non riuscì a salvare la Moravia. Per migliorare la situazione della Boemia dal punto di vista economico incoraggiò l'insediamento dei mercanti tedeschi e coloni boemi e approfittò della loro influenza.

Una delle imprese principali del suo regno fu il controllo dell'Austria. Quando Federico II di Babenberg, ultimo discendente maschio della dinastia austriaca dei Babenberg, morì nel 1246, Venceslao negoziò il matrimonio del figlio con la nipote del duca defunto.

Quest'alleanza fallì a causa della morte del figlio e fu solo nel 1251 che riuscì a ottenere il riconoscimento austriaco dell'altro figlio, Ottocaro II, come loro duca.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Venceslao I sposò Cunegonda di Svevia, figlia di Filippo di Svevia e della bizantina Irene Angelo. Da Cunegonda Venceslao ebbe:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le Repubbliche Ceca e Slovacca, Guida TCI, 1995, p. 123
  2. ^ Přemyslovci. Budování českého státu, red. P. Sommer, D. Třeštík, J. Žemlička, Praha 2009, s. 567.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore re di Boemia Successore Wappen Königreich Böhmen.png
Ottocaro I 1230-1253 Ottocaro II
Controllo di autorità VIAF: (EN69293500 · LCCN: (ENn93068321 · GND: (DE101272243 · CERL: cnp00190221
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie